Corso Sicilia, scoperto laboratorio clandestino di marchi contraffatti

Quando i militari hanno fatto accesso nel locale, la produzione del falso era in piena attività. Uno dei responsabili stava procedendo, con un macchinario a pressa, a fissare sulle scarpe gli adesivi “Nike”, “Adidas”, “Armani, “Liu Jo”, “Harmont & Blaine” e “Moncler”

I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Catania hanno concluso una complessa attività investigativa con il sequestro di un laboratorio clandestino, adibito alla realizzazione di calzature e capi di abbigliamento con marchi contraffatti, e la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 2 cittadini extracomunitari. 

Le indagini, sviluppate dai finanzieri del Gruppo di Catania, hanno consentito di individuare, in via Opificio del capoluogo etneo, in prossimità di Corso Sicilia, luogo di smercio di prodotti falsi e dalla forte presenza di ambulanti abusivi, un vero e proprio centro per la contraffazione di scarpe e giubbotti, all’interno del quale è stato rinvenuto un macchinario utilizzato per l’apposizione delle false etichette sui prodotti.

Quando i militari hanno fatto accesso nel locale, la produzione del falso era in piena attività. Uno dei responsabili, infatti, stava procedendo, con un macchinario a pressa, a fissare sulle scarpe gli adesivi recanti i noti marchi “Nike”, “Adidas”, “Armani, “Liu Jo”, “Harmont & Blaine” e “Moncler”. 
Il circuito del falso prevedeva l’acquisto di scarpe e di altri capi di abbigliamento non marcati di provenienza cinese e la successiva applicazione di targhette e loghi contraffatti delle note marche, in modo da realizzare prodotti del tutto simili a quelli originali.
Al termine del controllo, oltre alla pressa utilizzata per l’illecita apposizione dei marchi, sono state sequestrate oltre 13 mila etichette recanti i loghi contraffatti delle più note case di abbigliamento, nonché 400 paia di scarpe e oltre cento tra giubbotti, jeans, magliette e borse, pronti per essere posti in vendita sul mercato del falso catanese. Questo avrebbe garantito ai responsabili di rifornire gli extracomunitari della zona e realizzare ricavi stimati per oltre 5 mila euro.
L’operazione “Falso a Km 0” assume maggiore rilevanza perché colpisce il fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione a monte della filiera, soprattutto recidendo i canali di approvvigionamento degli abusivi operanti nel capoluogo etneo e, soprattutto, su Corso Sicilia, dove si concentra una vera e propria fiera del falso e già oggetto di ripetuti interventi da parte delle Forze di Polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento