Situazione covid-19 a Belpasso, 29 positivi e un morto

Il sindaco Daniele Motta dopo aver comunicato il decesso di un concittadino ultraottantenne ha fornito i dettagli dei casi presenti nel Comune etneo

Nella giornata odierna, il sindaco del Comune di Belpasso, Daniele Motta, dopo aver pubblicato un video messaggio sulla pagina social del Comune, ha comunicato ulteriori approfondimenti sulla situazione Coronavirus nel territorio comunale, aggiornati a oggi martedì 13 ottobre 2020. Sono 37 in totale i casi segnalati dall’ASP dall’inizio della seconda ondata di contagi ad oggi, 29 i casi positivi attualmente attivi, 7 i guariti, 1 deceduto. “Mi duole comunicare il decesso di un nostro concittadino – dichiara il sindaco -, ultraottantenne, con patologie pregresse, ma pur sempre a causa del Covid-19. Ai familiari sentite condoglianze da parte mia e di tutta l’amministrazione comunale. Questo decesso ci invita ad una riflessione per nulla scontata: osserviamo attentamente tutte le misure anti-contagio, per proteggere noi stessi e le fasce più deboli della nostra città, i nostri anziani e i cittadini con patologie respiratorie significative. Questo virus è altamente contagioso, per questo vi prego di indossare le mascherine anche all’aperto, di non toccarsi occhi, naso e bocca quando ci si trova fuori casa e di igienizzarsi frequentemente le mani. Manteniamo alta l’attenzione finchè tutto non sarà veramente e definitivamente finito”. Questa la distribuzione territoriale dei contagi: Piano Tavola (6), centro storico Belpasso (4), periferie: Valcorrente, Palazzolo, S.P. Paternò-Belpasso, Villaggio Ginestre, Decima, Frumenti (19). Il dato è destinato ad aggiornarsi nelle prossime ore. Dato l’aumento significativo dei contagi, da domani mattina, mercoledì 14 ottobre, riapre il C.O.C. di Protezione Civile, il Centro Operativo Comunale, attivo in piazza Municipio. Ed è stata inoltre riattivata l’info-line comunale dedicata alle segnalazioni e al monitoraggio dei contagi da Coronavirus, 095/7051213, attiva dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 14.00. “I cittadini hanno la possibilità di accedere, per tamponi e sierologici, ai centri analisi privati – continua il sindaco. La criticità che sta emergendo si riferisce alla tempistica dei risultati. Nel caso di un accertato “positivo” da parte del centro analisi privato, l’ASP, prima di comunicarne l’effettivo contagio, si prende circa 1,2 giorni poiché deve effettuare un ulteriore tampone di verifica. Ebbene, al fine di colmare questo gap temporale e nell’ottica di preservare i cittadini “negativi” e contenere i contagi, abbiamo riattivato il numero di telefono destinato alle segnalazioni dei Belpassesi”.

Oltre alle riaperture del C.O.C. della Protezione Civile e dell’info-line dedicata, il Comune ha disposto azioni aggiuntive di sanificazione dei locali, delle strutture, degli istituti del territorio per proteggere cittadini e dipendenti comunali. Sin da subito verranno intensificate le azioni di controllo in città e nelle periferie da parte delle Forze dell’Ordine al fine di verificare l’effettivo rispetto delle norme. La responsabilità e il senso del dovere di ognuno, tuttavia, rimane l’unica strada possibile per uscire quanto prima da questa emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento