Crociera senza valigie, condannati Costa Crociere e Alitalia

Lo ha reso noto la Confconsumatori, che ha assistito la famiglia. In particolare è stato riconosciuto il risarcimento di 500 euro ciascuno per la signora e la figlia e di 300 euro per il figlio che aveva ricevuto per primo la valigia con tutti i propri effetti

Partono per la crociera ma i bagagli restano in aeroporto. E così il Giudice di Pace di Catania, Laura Milazzo, ha condannato una società crocerista ed una compagnia aerea a risarcire il danno causato a una famiglia di turisti. Una donna catanese aveva acquistato, per se' e per i due figli, una crociera di otto giorni denominata "Grandi Città del Baltico", che prevedeva anche il trasferimento in aereo da Catania a Roma e da Roma a Copenaghen. Pur avendo regolarmente imbarcato i bagagli alla partenza da Catania, questi non erano stati consegnati all'aeroporto di Copenaghen.

Due delle tre valigie erano state, poi, riconsegnate dopo quasi tre giorni di crociera, l'ultima, invece, con gli effetti personali della madre e della figlia, era arrivata nel pomeriggio del penultimo giorno di vacanza. La famiglia catanese aveva così deciso di inoltrare una richiesta di risarcimento in via bonaria, negata dalla società da cui avevano acquistato la crociera.

Da qui la decisione di citarla in giudizio. La società crocierista, a quel punto, aveva chiamato in causa la compagnia aerea che aveva effettivamente causato il disservizio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ha reso noto la Confconsumatori, che ha assistito la famiglia. In particolare è stato riconosciuto il risarcimento di 500 euro ciascuno per la signora e la figlia e di 300 euro per il figlio che aveva ricevuto per primo la valigia con tutti i propri effetti. La Confconsumatori sottolinea come il giudice, applicando l'art. 43 del Codice dei Turismo, "ha sancito che la crociera è a tutti gli effetti un pacchetto turistico e che, quindi, dei danni sofferti dai turisti risponde l'organizzatore, in questo caso la compagnia di crociere, che è stata condannata al risarcimento danni, fatto salvo il diritto di rivalersi nei confronti della compagnia aerea, che è stata anch'essa condannata in solido". "Si tratta - ha commentato il presidente di Confconsumatori Sicilia, avvocato Carmelo Cali' - di un'importante sentenza a favore dei turisti in un settore, quello delle crociere, dove ancora vige molta incertezza e le societa' cercano di sottrarsi ai propri obblighi cercando di scaricarli su altri e sostenendo di non essere tenute al risarcimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento