Crollo del pilone sull'A19, parte da Federconsumatori il primo esposto

Parte per primo da Catania l'esposto Federconsumatori alla Procura della Repubblica sul crollo del pilone che ha tagliato in due la viabilità siciliana: nel corso del convegno dei giorni scorsi, la Federconsumatori Sicilia aveva annunciato l'azione legale, provincia per provincia, affinché l'autorità giudiziaria possa verificare l'ipotesi di interruzione di pubblico servizio e di disastro colposo

Parte per primo da Catania l'esposto Federconsumatori alla Procura della Repubblica sul crollo del pilone che ha tagliato in due la viabilità siciliana: nel corso del convegno dei giorni scorsi, la Federconsumatori Sicilia aveva annunciato l'azione legale, provincia per provincia, affinché l'autorità giudiziaria possa verificare l'ipotesi di interruzione di pubblico servizio e di disastro colposo.

L'esposto punta sulla prevedibilità dell'evento in quanto "la frana che ha investito il viadotto il 10 Aprile scorso è in movimento dal lontano 2005 ed è stata monitorata dai tecnici della provincia di Palermo". Se ne parlerà nel corso de "I vostri diritti il nostro impegno", il congresso provinciale della Federconsumatori di Catania che si terrà domani, sabato 8 maggio, a partire dalle ore 9,30, nella sala "Russo" di via Crociferi 40.

Nel corso dei lavori saranno rinnovati tutti gli organi statutari. Ai lavori saranno presenti, oltre alla segretaria provinciale Clelia Papale che presenterà la sua relazione, anche Sergio Veroli, vicepresidente nazionale della Federconsumatori che concluderà i lavori, e PierEmilio Vasta, presidente dei comitati consultivi di tutte le aziende sanitarie siciliane. È stata anche invitata l'amministrazione comunale.

Si legge ancora nell'esposto: "E' d’obbligo evidenziare il gravissimo danno arrecato da tale disastro all’economia regionale ed ai diritti dei consumatori per quanto concerne la mobilità nel territorio siciliano, atteso che l’autostrada Palermo-Catania è un’arteria vitale per l’isola e la sua interruzione ha provocato un’enorme dilatazione dei tempi di percorrenza, con evidenti disagi e con una ricaduta negativa sulla già stremata economia siciliana, soprattutto con l’approssimarsi della stagione estiva. A tale riguardo è da rilevare come la Federconsumatori si sia già costituita parte civile in vari procedimenti penali che hanno coinvolto la tutela dei diritti dei consumatori, in quanto è stata riconosciuta quale ente esponenziale di tali diritti".

Ma nel congresso di domani si farà soprattutto il quadro delle richieste dei consumatori all'associazione: "Il rapporto tra i cittadini catanesi e le associazioni di categoria in questi anni è cambiato- conclude la Papale- Gli utenti sono aumentati e mentre in passato erano per lo più i pensionati e i disoccupati a chiederci un aiuto, adesso è il ceto medio a ricorrere al nostro servizio. I problemi più diffusi? L'assistenza legata al problema dei rifiuti e al peso dei tributi locali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento