Cyberbullismo e rischi del web, la prevenzione comincia a scuola

A illustrare l'attività svolta dalla polizia sul fronte dell'educazione alla legalità e alla sensibilizzazione di studenti, genitori e insegnanti sono stati il dirigente della polizia postale Marcello La Bella e la dottoressa Manuela Recca della Questura

La polizia da anni svolge una vasta ed intensa campagna d’informazione, nelle scuole di primo e secondo grado, finalizzata ad educare i giovani alla legalità e, in epoca più recente, a prevenire i fenomeni legati ai rischi del web, divendo di fatto un supporto alle agenzie educative per ecellenza: la scuola e la famiglia. A illustrare l'attività svolta dalla polizia nell'ultimo anno scolastico e a lanciare le iniziative per quello appena iniziato sono stati il dirigente della polizia postale Marcello La Bella e la dottoressa Manuela Recca della Questura.

Cyberbullismo, diffamazione, stalking: sono diversi i reati che possono configurarsi utilizzando le piattaforme social e di messaggistica instantanea: "Secondo una ricerca recente sono circa un terzo i givani utenti che scelgono di attivare account falsi, oltre a quelli ufficiali - ha dichiarato Marcello La Bella - questo perché, secondo le loro risposte, gli dà la possibilità di conoscere gente rimanendo sostanzialmente nell'ombra". Solamente a Catania si sono registrati 49 casi denunciati di utilizzi impropri dei social o dei messaggi che sono stati oggetto d'indagine da parte della polizia postale: "Si passa dalla presunta diffamazione, all'ingiuria - ha specificato ancora La Bella - abbiamo registrato 2 casi che coinvolgono bambini inferiore di 9 anni, 11 casi tra ragazzini tra i 10 e i 13 anni e ben 36 casi tra adolescenti tra i 14 e i 17 anni. Durante gli incontri con i ragazzi, nelle scuole, con gli insegnati e i genitori cerchiamo di sensibilizzare all'utilizzo di questi strumenti ispirato da comportamenti legali. Da nostro punto di vista è importante che in primo luogo siano i genitori e gli insegnanti ad assistere agli incontri, poiché sono i primi che devono rendersi conto di alcuni segnali d'allarme".

"La polizia postale e delle comunicazioni di Catania è da tempo impegnata in attività educative - ha comemnatato la dottoressa Recca -  sia attraverso progetti nazionali quali 'Una Vita da Social', 'Cuoriconnessi' e 'Io e Te alla Pari nella vita e sul web' sia attraverso l’adesione alle iniziative di istituti scolastici, enti locali o associazioni come il progetto 'Sport e Legalità', a cura del CUS di Catania ed il progetto 'L’insostenibile Violenza dell’Essere Noi Siamo Futuro', a cura dell’ASP 3 – Ufficio Educazione alla Salute". Quest’anno con l’inaugurazione a L’Aquila dell’anno scolastico da parte del Presidente della Repubblica è stato anche dato inizio al tour del truck “Vita da Social”, in collaborazione con il Safer Internet Centre e il Miur, che il prossimo anno farà tappa a Catania e Messina.

"Impegno della polizia è rendere la rete sempre più sicura per evitare che il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto della Rete - ha continuato La Bella - che possano costituire reali e costanti minacce soprattutto per i più piccoli. Lo sforzo è stato quello di formare ed informare studenti, genitori e docenti su diverse tematiche sensibili: violenza di genere, cyberbullismo, pedofilia on-line, sexting, cyber stalking, privacy e sugli altri rischi della Rete".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’anno scolastico 2018/2019 sono stati realizzati, a cura di personale della Polizia Postale di Catania, oltre 170 incontri formativi ed educativi, presso gli Istituti di Istruzione Primaria e Secondaria sia di Primo che di Secondo grado che insistono nelle province di Catania, Messina, Siracusa e Ragusa: raggiungendo oltre 15.000 studenti, 4.300 insegnati e 1250 genitori per un totale di oltre 21.000 utenti. Vi è stato un sensibile incremento degli incontri rispetto all’anno scolastico precedente, in particolare del 24% (da 130 a 170 incontri) con un maggiore coinvolgimento dei docenti (da 2200 a 4300). L’impegno profuso è in linea con le direttive Ministeriali di formare i “formatori” e con il protocollo di intesa, tra il Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Sicilia Orientale di Catania e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, per l’erogazione dei contributi formativi in materia di legalità informatica ai Docenti ed agli Studenti della Regione Sicilia. "Ricordiamo - ha concluso La Bella -  che la polizia postale di Catania, unitamente a quella di Palermo, ha sottoscritto un protocollo con l’Ufficio regionale scolastico al fine di coordinare le attività negli istituti scolastici dellle province siciliane. In ogni caso, i dirigenti degli istituti potranno inviare una richiesta per organizzare un incontro con gli studenti anche direttamente all’indirizzo mail poltel.ct@poliziadistato.it".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Sicilia 15 nuovi casi di Coronavirus, nessun focolaio: quattro casi a Catania

  • Coronavirus, famiglia positiva a Librino: l’Asp sta ricostruendo i movimenti dei 4 componenti

  • Sidra, giovedì 16 luglio sospesa erogazione idrica in un'ampia area di Catania

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

Torna su
CataniaToday è in caricamento