Cyberbullismo, le iniziative della polizia postale

Il progetto per le scuole #cuoriconnessi2, in collaborazione con Unieuro

Arriva in Sicilia il nuovo progetto di sensibilizzazione sul delicato tema del cyberbullismo. La polizia scende in campo ancora una volta insieme a Unieuro per l’avvio di #cuoriconnessi2, con un solo grande scopo: realizzare per gli adolescenti e le loro famiglie, una campagna di prevenzione itinerante sul territorio nazionale che faccia comprendere quanto sia necessario essere “attenti” nell’uso di internet.

Unieuro, anche a Catania, sostiene il progetto della polizia  #cuoriconnessi2. L’iniziativa, che si integra con i numerosi progetti di sensibilizzazione e prevenzione della polizia postale e delle comunicazioni, prevede la visione del nuovo suggestivo docufilm realizzato su fatti realmente accaduti dal titolo “la stagione ritrovata”, da parte di studenti delle scuole secondarie di secondo grado, alla presenza di insegnanti, genitori e professionisti del mondo della scuola.

L’obiettivo è fornire alla platea consigli utili per un uso consapevole e responsabile della tecnologia, dagli smartphones, ai pc, ai tablet, per far comprendere le diverse conseguenze che questo fenomeno può generare nella vita di un ragazzo: i messaggi, le immagini e i video caricati in rete oggi, si diffondono in maniera incontrollata e restano presenti nel web per sempre, creando problematiche che in alcuni casi possono avere anche risvolti drammatici. Si vuole così infatti sensibilizzare e prevenire episodi di cyberbullismo, attraverso un’opera di responsabilizzazione in merito all’uso della parola, che a volte “fa più male delle botte”.

L’iniziativa non lancia accuse, ma vuole offrire uno spunto di riflessione per avviare importanti considerazioni sul peso delle parole, sul loro valore e sulla loro potenza, ma anche sulle responsabilità degli adulti. I ragazzi possono riflettere su come taluni comportamenti possano essere dirompenti e drammatici per chi li subisce. La finalità dell’iniziativa è quella di stimolare nei giovani lo sviluppo di una cultura della legalità in rete in modo da acquisire una maggiore consapevolezza e coraggio nel rappresentare le proprie situazioni di disagio. A Catania, domani, saranno presenti al Teatro Vitaliano Brancati di Catania circa 400 studenti delle scuole superiori “G.B. Vaccarini” di Catania, “De Nicola” di San Giovanni La Punta e “Regina Elena” di Acireale ai quali l’autore, Luca Pagliari, farà capire l’importanza delle parole in tutte le sue sfumature attraverso filmati e testimonianze dirette. A seguire il dibattito con la Polizia Postale con il dirigente del Compartimento Marcello La Bella che interagirà direttamente con i ragazzi. La campagna, partita da Roma, ha già fatto tappa a Matera e Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento