Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Cyberbullismo, presentato il progetto "Non cadere nella rete"

Gli studenti sono diventati attori e sceneggiatori di cortometraggi che hanno raccontato la loro visione del fenomeno tra finzione e realtà

3 Istituti scolastici, tantissimi studenti, insegnanti e genitori, ma soprattutto un progetto che nelle sue sfaccettature e nelle sue forme vuole diventare un modello educativo e didattico da promuovere all’interno delle scuole per contrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. Questo lo scenario su cui oggi 28 maggio, nell’auditorium dell’ex Monastero dei Benedettini di Catania, sono stati presentati alcuni prodotti del progetto Non Cadere dalla Rete - realizzato dalla cooperativa sociale TEAM – Ti Educa A Migliorare nelle scuole e promosso dal Comune di Catania con i fondi della legge 285/95 - che ha appassionato e coinvolto centinaia di giovani catanesi, aprendo una lente d’ingrandimento su un fenomeno, il cyberbullismo, caratterizzato da numeri in crescita, distorsione nell’utilizzo della tecnologia e co-responsabilità della Comunità.

Un invito e un mandato preciso, quello di Giuseppe Lombardo Assessore ai Servizi Sociali e Politiche per la Famiglia Giuseppe Lombardo, che ha aperto la mattinata: «Il Comune di Catania ha scommesso su questo progetto pensando a una sua continuità. È importante – aggiunge - comprendere la matrice profonda di questa iniziativa, abbattere i muri dell’indifferenza, del silenzio e della reticenza e che costituiscono la base su cui nasce e si diffonde il cyberbullismo». Il progetto Non Cadere nella Rete, realizzato negli Istituti Comprensivi Petrarca e Cavour e nel Liceo Statale Socio Psico-Pedagogico G. Lombardo Radice di Catania, ha visto operare un’equipe multidisciplinare, che con laboratori esperienziali e focus tematici ha permesso a genitori, studenti e corpo docente di confrontarsi e approfondire il fenomeno fino a descriverlo in un video. Gli studenti sono diventati attori e sceneggiatori di cortometraggi che hanno raccontato la loro visione del cyberbullismo e le risposte per contrastarlo con un carico emotivo che sovente faceva confondere finzione e realtà.

«La repressione non basta a sconfiggere il cyberbullismo, serve un’azione educativa, così come abbiamo sperimentato in questi mesi di attività, che renda tutti consapevoli e responsabili», spiega Salvatore Litrico Presidente della cooperativa sociale TEAM. L’utilizzo consapevole del web, le regole di buona condotta, la prevenzione per Non Cadere nella Rete sono stati elementi comuni del progetto e della mattinata, durante la quale il cyberbullismo è stato contestualizzato nel nostro ordinamento da Maria Pia Fontana, funzionario professionalità di Servizio Sociale e referente locale della formazione del Ministero della Giustizia e Vincenza Speranza, Responsabile dell’Ufficio Servizio Sociale Minorenni di Catania. Le due speaker hanno profilato il cyberbullismo come fenomeno sociale, che evidenzia il disagio della vittima ma anche del cyberbullo e riconosce una responsabilità precisa alla platea che tace davanti a una violenza che viaggia sul web. Ecco che nell’immaginario dei giovani presenti oggi ai Benedettini, il web diventa una grande piazza di cui prendersi cura, dove sviluppare sane connessioni e relazioni e: “lasciar fuori la spazzatura”, come ha invitato Davide Bennato, Docente di Sociologia dei media digitali all’Università degli Studi di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cyberbullismo, presentato il progetto "Non cadere nella rete"

CataniaToday è in caricamento