"Non mi potete fare niente": arrestato per danneggiamento e aggressione

I carabinieri di Aci Castello hanno arrestato il 22enne colombiano Ochoa Lujan Sebastian

I carabinieri di Aci Castello hanno arrestato il 22enne colombiano Ochoa Lujan Sebastian, poiché ritenuto responsabile di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, minacce e percosse. Una segnalazione telefonica pervenuta all’utenza del comando castellese ha indicato agli operatori la presenza di un giovane extracomunitario in via Tomasi da Lampedusa che, in evidente stato di agitazione, infastidiva e minacciava i passanti. I militari di pattuglia, appena giunti in zona, hanno sorpreso il giovane colombiano mentre danneggiava a calci e pugni alcune autovetture parcheggiate in strada. Invitato a calmarsi e a declinare le proprie generalità, questi anziché placarsi proferiva le testuali frasi “ora vedete cosa vi faccio e chi sono io; voi non mi potete far nulla e non mi portate da nessuna parte” opponendo resistenza attiva al controllo costringendo così i carabinieri, preoccupati per l’incolumità delle persone presenti e che lo stesso potesse continuare a danneggiare le auto in sosta, a bloccarlo ed ammanettarlo. I militari in seguito hanno altresì accertato che il 22enne, poco prima dell'arresto, si era reso responsabile dei reati di percosse e minacce ai danni di due 20enni di Catania, un ragazzo e una ragazza, colpevoli, secondo l’aggressore, di aver chiamato i carabinieri. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento