Danni e atti vandalici alle piste ciclabili, pedalare in città è off-limits

A denunciare la situazione è Salvatore Tomarchio, presidente della commissione comunale al Patrimonio che ha verificato le pessime condizioni delle piste in via Marchese di Casalotto e al Lungomare

"I danni e gli atti di assoluta inciviltà a cui sono sottoposte le piste ciclabili di Catania hanno dell’incredibile. In seguito alle numerose segnalazioni che mi sono pervenute dagli amanti della pedalata ho voluto verificare di persona le condizioni di due dei più importanti impianti di Catania: quello in via Marchese di Casalotto e quello che da piazza Mancini Battaglia arriva fino a piazza Europa". Con queste parole Salvatore Tomarchio, consigliere comunale e presidente della commissione al patrimonio denuncia i numerosi danni subiti dalle due piste della città.

" La speranza di avere una città più a misura di cittadino oggi deve fare i conti con la maleducazione e l’inciviltà di troppa gente che non ha rispetto per gli appassionati della bicicletta. La pista ciclabile di via Marchese di Casalotto - continua Tomarchio -  troppe volte viene utilizzata come parcheggio supplementare per macchine, furgoni e scooter. Due e quattro ruote con il risultato che, chi vuole pedalare qui, è costretto a spostarsi ai bordi della carreggiata rischiando di essere investito o di fare brutte cadute perchè il manto stradale in molti punti è in pessime condizioni. Stesso problema per la pista ciclabile del lungomare. L’amministrazione,in questo contesto, è intervenuta ma purtroppo siamo ancora lontani dagli standard garantiti in altre parti d’Italia. Sul viale D’Alagona e sul viale Ruggero di Lauria stanno diventando una costante i casi di auto che urtano i cordoli protettivi della pista blu facendoli finire al centro della carreggiata. Palazzo degli Elefanti interviene per riparare i danni ma il problema si ripresenta puntuale nel giro di pochi giorni".

"Io stesso a gennaio dell’anno scorso, -conclude il presidente della commissione comunale al Patrimonio - dopo un incidente autonomo di un’auto che distrusse le protezioni della pista nei pressi del viale Ulisse, avevo lanciato l’allarme chiedendo un tavolo tecnico per aumentare il livello di sicurezza di una struttura usata ogni giorno da centinaia di persone. Da anni, infatti, la commissione al Patrimonio si batte per aumentare il numero di piste ciclabili a Catania. Da Picanello a Librino, da San Giovanni Galermo alla zona del viale Mario Rapisardi passando poi per Cibali, Vulcania, San Leone, San Cristoforo e Carrubba bisogna studiare tutte le proposte e le ipotesi operative per andare finalmente in bici in totale sicurezza senza rischiare di ritrovarsi un’auto davanti o qualsiasi altro tipo di ostacolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento