menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Degrado in piazza Santa Maria Luisa di Gesù, periferia dimenticata

Pavimentazione danneggiata, buche, avvallamenti e il rischio di essere investiti tutte le volte che devono attraversare la strada. Petizioni organizzate dalle associazioni del territorio, segnalazioni e proteste sono puntualmente cadute nel vuoto. "Richieste rimaste inascoltate", dichiara Mirenda

Sulla carta ci sarebbero tutti gli elementi per rendere piazza Santa Maria di Gesù il più importante punto di aggregazione di Monte Po. Il cuore del quartiere che oggi si trova in condizioni pessime tra mancati interventi di manutenzione straordinaria e progetti di rilancio mai portati a termine. Una struttura frequentata soprattutto dagli anziani del territorio che non hanno altro posto dove andare. Tantissimi pensionati che per socializzare devono arrangiarsi come possono tra pavimentazione danneggiata, buche, avvallamenti e il rischio di essere investiti tutte le volte che devono attraversare la strada. Petizioni organizzate dalle associazioni del territorio, segnalazioni e proteste sono puntualmente cadute nel vuoto. piazza santa maria luisa di gesù (4)-2

piazza santa maria luisa di gesù (1)-2"Richieste rimaste inascoltate da parte di un’amministrazione che ha colpevolmente dimenticato alcune periferie", dichiara il componente del gruppo “Grande Catania” Maurizio Mirenda che chiede urgentemente al sindaco di rendere operative tutte quelle manutenzioni straordinarie che servirebbero a rendere piazza Santa Maria di Gesù un luogo più sicuro e più decoroso per tutti coloro che la frequentano.

Oggi questa struttura è estremamente pericolosa per via dei tanti alberi che, negli ultimi anni, sono caduti finendo sulla strada oppure addosso alla gente la cui unica colpa è stata quella di trovarsi al posto sbagliato al momento sbagliato. Piante che hanno rischiato di fare danni ben peggiori con l’incidente che, più di una volta, ha rischiato di trasformarsi in tragedia. Oggi all’interno dell’area verde restano solo i pali della luce, tante piante in equilibrio precario e alcuni cartelli pubblicitari arrugginiti.

"Il mio progetto - spiega Mirenda - che a breve presenterò alla commissione comunale al ramo, prevede di creare al suo interno strutture per i bambini e renderla fruibile alle famiglie del quartiere. Pochi interventi dai costi contenuti ma dal grande valore sociale. Ovvero eliminare gli alberi pericolosi, istallare altalene, scivole, percorsi ciclabili e persino un campo di playground facendone così una seconda piazza Aldo Moro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Alimentazione

Aglio: tipologie, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento