Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Degrado e risse alla villa Bellini, i cittadini chiedono vigilanza

Soprattutto nel fine settimana, questo spazio verde diventa teatro di scorribande da parte di ragazzi che prendono di mira altri coetanei e danneggiano la villa stessa

Riceviamo e pubblichiamo la riflessione di un lettore di Cataniatoday, amareggiato per le condizioni in cui versa la villa Bellini di Catania. Soprattutto nel fine settimana, questo spazio verde diventa teatro di scorribande da parte di ragazzi che prendono di mira altri coetanei, lanciando anche pietre ed usando altre forme di violenza.

"La villa Bellini si è trasformata in una vera e propria 'giungla urbana', con orde di ragazzi di tutte le età, che credono di trovare all’interno del giardino, nascosti agli occhi dei più, il loro terreno di battaglia in cui lasciar andare i loro istinti animaleschi. Ripetuti sono gli episodi di sassaiole - scrive il nostro lettore- con rischi per chiunque si trovi lì a passare o sostare. È inutile cercare di fare ragionare questi giovani (mi chiedo gli assistenti sociali dove sono?) e non si può neanche fare appello a chi dovrebbe controllare. Visto che proprio il fine settimana c’è un solo vigile che si occupa di tutta la villa, e che deve per forza di cose restare a vigilare l’ingresso principale. Le telecamere sono fuori uso, e chiamare le forze dell’ordine è inutile perché rimandano al vigile sul posto. Io mi chiedo gli altri vigili dove sono? La polizia a cavallo che si vedeva ogni tanto dov’è finita? L’esercito che sosta nelle nostre strade principali perché non si impiega anche per controllare il parco pubblico? È giusto che un cittadino che paga le tasse e si spende per il bene di questa città ogni giorno, debba evitare di andare a sedersi al parco a leggere per lasciare il posto a giovani vandali? Basta farsi un giro per capire in che stato versa il giardino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado e risse alla villa Bellini, i cittadini chiedono vigilanza

CataniaToday è in caricamento