Via Caronda, bidonville in un cantiere abbandonato

Un cantiere abbandonato da oltre 10 anni in via Caronda è diventato il rifugio provvisorio di alcuni extracomunitari che hanno adattato ad abitazione il deposito degli attrezzi in latta lasciato dagli operai

Dopo l'occupazione della bambinopoli di via Ingegnere da parte di alcuni clochard allontanati 2 anni fa, piccole isole di degrado continuano a permanere all'interno del quartiere Borgo. Un vecchio cantiere abbandonato da oltre 10 anni in via Caronda è diventato il rifugio provvisorio di alcuni extracomunitari che hanno adattato ad abitazione il deposito degli attrezzi in latta lasciato dagli operai.

Con il passare degli anni la recinzione perimetrale sulla fossa che avrebbe dovuto ospitare le fondamenta del palazzo in costruzione è stata abbattuta in più punti, creando pericolosi punti d'accesso a strapiombo sulla fossa al cui interno è ancora presente l'escavatore arrugginito lasciato "in sosta" dalla ditta di costruzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento