Denaro in cambio di voti, rinviato a marzo inizio processo a Riccardo Pellegrino

Tra gli imputati gli ex sindaci di Aci Catena, Ascenzio Maesano, e di Mascali ed ex deputato regionale Biagio Susinni

E' stato rinviato al prossimo 23 marzo, con l'avvio del dibattimento, il processo per corruzione elettorale davanti alla quarta sezione monocratica del Tribunale di Catania. Sotto inchiesta sono finite le scorse elezioni regionali del novembre 2017 in Sicilia. Al centro del procedimento, basato su indagini della Dia di Catania, il presunto sostegno dato, con la "consegna di denaro" per "ottenere consensi in favore di Riccardo Pellegrino", che era candidato nelle liste di Forza Italia. Tra gli imputati l'ex consigliere comunale di Fi di Catania, Riccardo Pellegrino, gli ex sindaci di Aci Catena, Ascenzio Maesano, e di Mascali ed ex deputato regionale Biagio Susinni. Altri imputati sono Gesualdo Briganti, Antonino Castorina, Orazio Sebastiano Cutuli, Salvatore Di Benedetto, Antonio Di Benedetto, Ivan Andrea Guarrera, Salvatore Gulisano Giuseppe Panebianco e Filippo Pellegrino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento