Picchiano due volte un automobilista in via Passo Gravina: denunciati

I due, cognati, avevano già alle spalle precedenti per rissa e resistenza aggravata a pubblico ufficiale

Un automobilista è stato aggredito in un'area di servizio di via Passo Gravina, dopo un banale diverbio nato su strada. Due auto gli bloccavano l'uscita ed ha cercato di rintracciare i proprietari, che avevano a bordo l'intera famiglia e stavano parlando tra di loro. Hanno quindi offeso e aggredito fisicamente l'uomo, causandogli fratture multiple ed un trauma cranic, guaribile con una prognosi di 30 giorni. I due malfattori si sono allontanati senza prestare soccorso e lasciando per terra la vittima che, dopo poco, è riuscita ad alzarsi e risalire a bordo del proprio veicolo. I due aggressori, prima ancora che la situazione degenerasse ulteriormente, avendo notato che la vittima li aveva ripresi con il cellulare per rilevare le targhe, hanno raggiunto nuovamente la persona offesa e l’hanno nuovamente colpita per levargli il cellulare, operazione che non è andata a buon fine, continuando a inveire con minacce di morte qualificandosi, tra l’altro, come “mafiosi” e apostrofandolo come “sbirro e carabiniere” per avere dedotto che con le riprese video avrebbe avuto un supporto utile per denunciarli. Sono stati rintracciati dalle forze dell'ordine e denunciati per lesioni gravi e minacce in concorso. I due, cognati, avevano già alle spalle precedenti per rissa e resistenza aggravata a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento