Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

False dichiarazioni a Trecastagni per ottenere il reddito di cittadinanza

Denunciate 9 persone, di età compresa tra i 29 e i 69 anni, ritenute responsabili di indebita percezione del reddito di cittadinanza

I carabinieri di Trecastagni hanno denunciato 9 persone, di età compresa tra i 29 e i 69 anni, ritenute responsabili di indebita percezione del reddito di cittadinanza. Le sempre più frequenti notizie attinenti alla fruizione del cosiddetto reddito di cittadinanza da parte di soggetti, che però non riuniscono i requisiti per godere del beneficio, hanno suggerito ai militari di approfondire alcune notizie che avevano appreso nel corso della loro costante attività info-investigativa sul territorio. I militari avevano compreso che alcuni trecastagnesi, così almeno si erano dichiarati nelle loro richieste inoltrate all’Inps per godere del contributo e poi favorevolmente accolte, avevano falsamente attestato di essere residenti nel territorio del comune. Gli accertamenti svolti dai militari hanno consentito di appurare invece che in 7 dei casi presi in esame, erano ormai cancellati addirittura per irreperibilità dalle liste anagrafiche comunali. Diverso, e per certi aspetti più ingegnoso, il metodo utilizzato da una coppia di coniugi gestori di un caf, i quali, a loro volta, avevano dichiarato di vivere da separati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False dichiarazioni a Trecastagni per ottenere il reddito di cittadinanza

CataniaToday è in caricamento