In auto con chiavi false e grimaldelli, denunciati due pregiudicati

Erano a bordo di una Nissan Micra ed alla vista della polizia hanno cercato di allontanarsi per evitare il controllo. Una volta bloccati è scattata la perquisizione

Gli agenti della squadra volanti della Questura di Catania hanno denunciato in stato di libertà per possesso di chiavi false e grimaldelli  due uominini di 29 e 51 anni con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio dopo averli bloccati durante un controllo in via Monsignor Orlando.

I due erano a bordo di una Nissan Micra ed alla vista della polizia hanno cercato di allontanarsi per evitare il controllo: una volta bloccati hanno dato parere discordante circa il loro atteggiamento di nervosismo ed è subito scattata la perquisizione a bordo dell'autovettura nella quale sono sono stati rinvenuti ben occultati all’interno del vano portaoggetti del lato passeggero anteriore varie chiavi adulterine, degli “spadini” utilizzati per forzare le serrature, un duplicatore di frequenze radio in grado di riprodurre i segnali provenienti dai telecomandi utilizzati per l’inserimento di allarmi, due telecomandi universali per aprire cancelli automatici, un “estrattore di serrature” e delle “chiavi a brugola” modificate.

La perquisizione è stata quindi estesa alle abitazioni dei due pregiudicati e, nel garage di uno di loro, sono state trovate numerosissime chiavi per serrature ed un dispositivo elettronico per la rilevazione di microspie. I due malviventi sono adesso indagati in stato di libertà per il reato in concorso di possesso di chiavi false e grimaldelli e ad uno dei due è stato contestato il reato di guida senza patente in quanto revocata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento