Il fenomeno del "cavallo di ritorno", deposito d’auto a Calatabiano

I militari hanno rinvenuto in Contrada Maraulì, nascoste dalla fitta vegetazione, due Alfa Romeo 147 rubate il 6 dicembre a Giardini Naxos e un motociclo Honda SH rubato a Fiumefreddo

I Carabinieri della stazione di Calatabiano hanno sferrato l’ennesimo colpo a un circuito criminale particolarmente diffuso in Sicilia: “cavallo di ritorno”, è il pizzo che chiedono i ladri di auto al proprietario per poter riavere indietro il suo veicolo. 

I militari hanno rinvenuto durante una perlustrazione in Contrada Maraulì, nascoste dalla fitta vegetazione in una zona di campagna, due Alfa Romeo 147 rubate il 6 dicembre a Giardini Naxos e un motociclo Honda SH rubato a Fiumefreddo di Sicilia nell’ottobre scorso.

I veicoli sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento