Il fenomeno del "cavallo di ritorno", deposito d’auto a Calatabiano

I militari hanno rinvenuto in Contrada Maraulì, nascoste dalla fitta vegetazione, due Alfa Romeo 147 rubate il 6 dicembre a Giardini Naxos e un motociclo Honda SH rubato a Fiumefreddo

I Carabinieri della stazione di Calatabiano hanno sferrato l’ennesimo colpo a un circuito criminale particolarmente diffuso in Sicilia: “cavallo di ritorno”, è il pizzo che chiedono i ladri di auto al proprietario per poter riavere indietro il suo veicolo. 

I militari hanno rinvenuto durante una perlustrazione in Contrada Maraulì, nascoste dalla fitta vegetazione in una zona di campagna, due Alfa Romeo 147 rubate il 6 dicembre a Giardini Naxos e un motociclo Honda SH rubato a Fiumefreddo di Sicilia nell’ottobre scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I veicoli sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

  • "Dammi i soldi o ti spezzo le gambe", arrestato mentre attende la vittima sotto casa

Torna su
CataniaToday è in caricamento