Deposito di auto rubate scoperto in un capannone a Belpasso

Nel corso dell’irruzione, gli agenti hanno sorpreso due persone intente a manomettere i numeri identificativi del telaio di una nuovissima autovettura ancora da immatricolare

Un deposito di auto rubate è stato scoperto nei pressi di Belpasso dai carabinieri e dalla polizia giudiziaria. Nei capannoni, che ufficialmente ospitavano una azienda che lavora infissi in ferro e alluminio, sono state ritrovate numerose autovetture, tra cui alcune di lusso, trafugate nei giorni scorsi in varie province della Sicilia.

Oltre alle autovetture sono state rinvenute numerosissime parti meccaniche e di carrozzeria provenienti dallo smantellamento degli automezzi rubati che, opportunamente catalogati e stoccati, erano pronti per essere immessi nel florido mercato nero degli autoricambi.

Nel corso dell’irruzione, gli agenti hanno sorpreso due persone intente a manomettere i numeri identificativi del telaio di una nuovissima autovettura ancora da immatricolare, rubata nella sede di un concessionario auto della provincia di Messina.

I due soggetti, identificati per P.G. di 52 anni e D.B.G. di 29 anni, entrambi di Misterbianco, sono stati deferiti alla Autorità Giudiziaria per i reati di ricettazione e riciclaggio. Il valore del materiale ritrovato è di diverse centinaia di migliaia di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento