Sequestrato deposito di fuochi pirotecnici illegali a San Cristoforo

Per la loro potenza esplosiva, non si ritiene che siano stati confezionati per essere utilizzati durante festeggiamenti o celebrazioni religiose. Tutto il materiale è stato sequestrato e successivamente distrutto, mentre l’uomo che li custodiva è stato denunciato in stato di libertà

Lo scorso 18 novembre il personale dell’Ufficio Polizia Amministrativa e Sociale ha individuato un deposito di fuochi d’artificio illegali sito all’interno del quartiere di San Cristoforo. Gli ordigni rinvenuti, ben nascosti all’interno di un vecchio mobile, nell’abitazione del ventenne C.O. pregiudicato e già sottoposto agli arresti domiciliari per altri reati – sono risultati altamente pericolosi. Infatti erano ciascuno del peso di circa 110 grammi di cui 80 di principio attivo, privi di classificazione e non riconosciuti fra i prodotti esplodenti. Proprio per la loro potenza esplosiva, non si ritiene che siano stati confezionati per essere utilizzati durante festeggiamenti o celebrazioni religiose. Tutto il materiale è stato sequestrato e successivamente distrutto, mentre l’uomo è stato denunciato in stato di libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento