rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Giarre

Detenuto morto nel carcere di Giarre, il legale: "Qualcosa è andata storto"

"E' legittimo pensarlo perchè il ragazzo soffriva di apnea in quanto era un soggetto alto un metro e 57 e pesava 143 chili e quindi aveva problemi legati all'obesità e a tutti gli scompensi che ne derivano", dichiara l'avvocato Merlino

Dopo la morte del detenuto nel carcere di Giarre, sulla quale è stata aperta un'inchiesta al momento senza iscrizioni, è intervenuto il legale della famiglia, l'avvocato Enzo Merlino che suppone "qualcosa sia andata storta".

"E' legittimo pensarlo - continua - perchè il ragazzo soffriva di apnea in quanto era un soggetto alto un metro e 57 e pesava 143 chili e quindi aveva problemi legati all'obesità e a tutti gli scompensi che ne derivano".

Il legale, infatti, aveva più volte fatto istanza di scarcerazione e dopo il pronunciamento del medico del carcere si attendeva ancora una decisione. 

Sulla questione, il sindaco di Giarre Roberto Bonaccorsi ha dichiarato: "L'emergenza del sovraffollamento delle carceri e l'emergenza giustizia rappresentano le facce oscure della medaglia Italia, uno Stato dove il diritto non e' piu' certezza per troppi cittadini". 

"In questi giorni - ha aggiunto - abbiamo tristemente avvertito quanto il problema sia molto vicino a tutti noi, a Giarre e alla sua Casa Circondariale, nel quadro di un allarme per cui l'Europa ci chiede conto ogni giorno, che non può più restare fuori dall'agenda di governo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto morto nel carcere di Giarre, il legale: "Qualcosa è andata storto"

CataniaToday è in caricamento