Diletta Leotta "hackerata", su WhatsApp spunta anche un video hard

Dopo le foto di nudo diffuse sul web, nelle ultime ore sulla famosa chat sta circolando un video bollente attribuito alla giornalista di Sky Sport

Da due giorni non si parla d'altro. Lo smartphone hackerato di Diletta Leotta sta regalando ai social network pane per i loro denti. Sul web impazzano le foto hot della giornalista catanese di Sky Sport, anche se nelle ultime ore l'attenzione degli "smanettoni" si è spostata su un video che sta circolando su WhatsApp.

Immagini di sesso esplicito in un bagno, presumibilmente lo stesso che fa da sfondo ad alcune delle foto rubate alla Leotta. Secondo i più maliziosi, infatti, la ragazza ripresa di spalle nel video sarebbe proprio la giornalista, anche se, a parte la lunga chioma bionda, il volto non è mai visibile.

C'è chi giura che la voce sia la sua, ma anche questo è tutto da verificare. Un incubo che sembra non avere fine per Diletta Leotta, la quale ha sporto denuncia alla Polizia Postale, chiedendo che si dia inizio all'azione penale contro chiunque risulti concorrente di tutti i reati perseguibili e cioè della pubblicazione e distribuzione delle foto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Diletta ha subito una gravissima violazione della privacy, è molto amareggiata ma nello stesso tempo indignata e pronta a gestire questa vicenda - si legge in una nota diffusa dal suo ufficio stampa - Il suo pensiero è rivolto a ragazze più giovani, magari meno solide, cercando di condividere la sua esperienza sul fatto che chiunque distribuisce con leggerezza una foto privata magari di un amico, di una fidanzata o di una ex senza chiedere il suo consenso commette un reato. Questo è ciò che tutti i ragazzi devono avere bene in mente perchè una condivisione su WhatsApp o sui social, che non hanno sistemi di controllo dei materiali che transitano su di loro, diventa incontrollabile e senza possibilità di ritorno. E che la denuncia alla Polizia di Stato è la prima cosa da fare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Cancro al colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce

  • Dopo una festa alla Playa accusa i sintomi del Coronavirus, minorenne positivo in isolamento domiciliare

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si indaga per il movente: c'erano anche bambini in zona

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

  • Coronavirus, Catania resta la città più colpita in Sicilia: +10 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento