Dimensionamento scolastico: si salva l’istituto d'arte per la ceramica

Tra accorpamenti e chiusure di scuole c'è un istituto che, nonostante non ha il numero minimo di studenti richiesti dalla legge, sembra, proprio, sopravviveerà all'ondata di tagli imposta dall'ex Ministro Gelmini

Tra accorpamenti e chiusure di scuole c'è un istituto che, nonostante non ha il numero minimo di studenti richiesti dalla legge, sembra, proprio, sopravviverà all'ondata di tagli imposta dall'ex Ministro Gelmini.

Nel piano di dimensionamento scolastico, infatti, proposto dalla Provincia regionale di Catania all'Ufficio scolastico regionale, è previsto il salvataggio dell'Istituto d'arte per la ceramica "Sturzo" di Caltagirone, oggi liceo artistico per il design in considerazione della sua specificità, come sottolineato dal presidente Giuseppe Castiglione.

Adesso la "palla" passa alla Regione, per la decisione finale.

Commenti positivi a Caltagirone. A partire da quelli del sindaco Francesco Pignataro e del presidente del Consiglio comunale Fortunato Parisi. "Salvaguardare l'autonomia di questa scuola - sottolinea Pignataro - significa preservare peculiarità che costituiscono anche un'importante leva economica".

"Questo istituto - evidenzia Parisi - rappresenta molto in un territorio a forte vocazione ceramica come il nostro". Entrambi confidano nell'azione dell'assessore regionale Mario Centorrino, che durante la sua visita a Caltagirone si è impegnato "a riconoscere a questa scuola, nell'ambito dei criteri di valutazione derivanti dall'autonomia statutaria della Regione, il ruolo che merita".

In quella circostanza, a evidenziare "la necessità di tutelare questo istituto" erano stati anche i deputati regionali Concetta Raia e Marco Falcone, il consigliere provinciale Sergio Gruttadauria, i consiglieri comunali Francesco Aleo (vicepresidente), Francesco Incarbone, Carmelo Petrosino, Sergio Domenica, Luca De Caro e Antonio Russo, il presidente Confartigianato Francesco Navanzino e il preside Rosario Branciforti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento