rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Fratelli d'Italia difende Pogliese: "Stop a sciacallaggio, il tempo sarà galantuomo"

FdI cerca di "proteggere" il suo uomo di punta, probabile candidato alle nazionali del prossimo 25 settembre, ma la difesa di un uomo già ferito dalle sue vicende giudiziarie è un compito difficile in un momento particolarmente buio per la storia della nostra città

Le dimissioni odierne di Salvo Pogliese sono soltanto l'ultimo sofferto atto figlio di una legge -la Severino- scritta male e applicata peggio, che certamente necessiterà interventi normativi per evitare altri casi analoghi a quelli di Catania. Alle dimissioni di Salvo Pogliese da Sindaco di Catania sono seguiti i commenti della politica etnea, con toni particolarmente accesi in area centro sinistra-M5S. Chi li difende sono invece i suoi compagni di partito. Fratelli d'Italia cerca di "proteggere" il suo uomo di punta, probabile candidato alle nazionali del prossimo 25 settembre, ma la difesa di un uomo già ferito dalle sue vicende giudiziarie è un compito difficile in un momento particolarmente buio per la storia della nostra città. "In questi mesi ho seguito da vicino il travaglio di un un uomo che ha dedicato la propria vita alle Istituzioni e che certamente, anche dal punto di vista patrimoniale, ha dato molto più di quel che ha ricevuto dalla politica. Lo dico con cognizione di causa essendo cresciuto nello stesso ambiente umano e politico di Salvo. Ai tanti sciacalli che in queste ore si stanno esercitando in un per nulla edificante stillicidio di dichiarazioni al vetriolo contro Pogliese - dichiara il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia Catania, Alberto Cardillo - ricordo che nessuno di loro avrebbe lasciato mai la comoda e lauta poltrona dell'europarlamento per la scomodissima poltrona di Sindaco di un Comune, tra l'altro in dissesto, per responsabilità di partiti e soggetti politici che oggi si ergono incredibilmente a sacerdoti di buon costume istituzionale. Salvo Pogliese continuerà a rappresentare con pieno titolo la comunità della destra e del centrodestra siciliano e dimostrerà, mi auguro al più presto, la sua totale estraneità alle accuse che hanno condotto un sindaco voluto dai catanesi a dover lasciare con grande dolore il proprio compito, senza poter completare le pur tante azioni amministrative messe in campo in questi anni insieme ai partiti della coalizione di centrodestra. Il tempo sarà galantuomo".

"Le prevedibili reazioni isteriche di alcuni esponenti politici di sinistra e 5Stelle, a seguito delle dimissioni di Salvo Pogliese da Sindaco di Catania, sono solo lo specchio della loro pochezza, politica e umana. Salvo - ha dichiarato Basilio Catanoso, esponente di Fdi - ha sostenuto in questi mesi il peso di essere sospeso in una città privata ingiustamente del proprio Sindaco eletto dal popolo, per colpa di una legge assurda come la Severino. Lo ha fatto senza percepire più alcun emolumento, è bene ricordarlo, ritenendo che fosse corretto e responsabile che la propria giunta andasse avanti per consentire che fossero portati a termine i progetti avviati in questa sindacatura, in particolar modo su fondi europei e Pnrr. È appena il caso di ricordare che Pd e Sinistra Italiana, oggi così solerti nel lapidare Pogliese, sono le stesse forze politiche che risponderanno insieme a Bianco alla Magistratura per la responsabilità di aver provocato il dissesto a Catania, causa oggi delle difficoltà nel far funzionare alcuni servizi e dell’impossibilità di assumere nuovo personale. Alle parole di astio dei 5 Stelle, paladini in questi anni dell’inconcludenza e dell’incapacità di avanzare una sola proposta per Catania, risponderanno gli elettori nelle urne fra pochi giorni: vedremo quale sarà il consenso che hanno consolidato fra gente, dopo averla vergognosamente presa in giro in nome dell’antipolitica e delle critiche sguaiate al sistema, prima di venirne fagocitati e di comportarsi molto peggio di quelli che attaccavano in campagna elettorale. Proprio i 5 Stelle sono la dimostrazione che ‘uno non vale uno’ e che è il merito a dover guidare le scelte. Salvo Pogliese potrà dimostrare adesso con maggiore serenità come le vicende che gli vengano addebitate siano prive di fondamento. A Catania, dopo le politiche e le regionali, ci sarà il tempo di costruire un progetto politico fondato anche su quanto di buono è stato seminato e boicottato per via giudiziaria con la rimozione del Sindaco".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fratelli d'Italia difende Pogliese: "Stop a sciacallaggio, il tempo sarà galantuomo"

CataniaToday è in caricamento