Ferrovie, disagi per i pendolari sulla tratta Caltagirone-Gela

I pendolari non hanno informazioni certe sul servizio di bus sostitutivo ed in merito ai tempi d'attesa

I deputati del Movimento Cinque Stelle Gianluca Rizzo, Francesco Cappello ed Eugenio Saitta intervengono sui disagi vissuti dai pendolari della tratta ferroviaria Caltagirone - Gela, evidenziando diverse criticità. "Se abbiamo salutato con positività il ripristino della tratta che da Catania giunge sino a Caltagirone non possiamo non solidarizzare con i pendolari che debbono spostarsi sino a Niscemi e a Gela. Una solidarietà che arriva per via dei pesanti disagi che sono costretti a subire. Infatti nonostante il treno da Catania parta alle 5,38 i viaggiatori sono costretti a scendere a Caltagirone e poi prendere un bus, sostitutivo del treno, sino a Niscemi e a Gela, ove si arriva intorno alle 9. Adesso questo bus, gestito da un'altra ditta che non afferisce a trenitalia, sta viaggiando vuoto e l'assessorato regionale ai trasporti non ha voluto accogliere le proposte di buonsenso lanciate dal Comitato dei Pendolari. Proposte volte alla ottimizzazione degli orari adeguandoli a quelli dei lavoratori, considerando il gran numero di dipendenti e studenti che potrebbero fruire della tratta. Inoltre si era proposto di creare coincidenze a Gela con il treno che copre la Ragusa - Caltanissetta – Palermo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Plaudiamo all’immane lavoro di monitoraggio e di pungolo – spiegano i deputati – che il Comitato Pendolari svolge attraverso il suo portavoce Giosuè Malaponti. Adesso però i pendolari non hanno informazioni certe sul servizio di bus sostitutivo, non hanno certezze per gli orari e hanno solo l'andata garantita da Caltagirone a Gela e non la tratta di ritorno. Una assurdità che non possiamo non evidenziare. Così come sembra inverosimile depotenziare i collegamenti tra Catania e Caltagirone con solo due coppie di treni attive: un passo indietro che non possiamo accettare e che crea disagi ai viaggitori, disincentivando l’uso del treno. Altresì – concludono i deputati – ci preme segnalare i disagi vissuti dai cittadini a causa della prolungata chiusura dei passaggi a livello durante il transito dei vagoni. Una chiusura che crea enormi code e che potrebbe rallentare considerevolmente il tempo di percorrenza dei mezzi di soccorso. Chiediamo che l’assessore Falcone intervenga su tutte queste questioni in maniera urgente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento