Dismissione Asec Trade, i sindacati: "Preoccupazione per il futuro dei dipendenti"

Il consiglio comunale ha approvato la delibera per la ricognizione delle società partecipate, prevedendo la dismissione dell’Asec trade. Un passo che ha creato preoccupazione tra i lavoratori

Il consiglio comunale di Catania nella serata di ieri ha approvato la delibera per la ricognizione delle società partecipate, prevedendo la dismissione dell’Asec trade. Un passo quello voluto dall’amministrazione comunale, che era già da diversi mesi nell’aria, che adesso potrà diventare realtà ma che, nel contempo, ha elevato la preoccupazione dei lavoratori che ora temono per il loro futuro.

“Con la scelta del Comune di cedere una società che, fino ad oggi, ha comunque prodotto utili – dichiarano Jerry Magno di Filctem Cgil, Alfio Avellino di Uiltec e Carmelo Giuffrida di Ugl chimici – si apre la partita più complicata. Ovvero quella della fuoriuscita del personale che, a nostro avviso, dovrebbe transitare in Asec. E’ questa la speranza dei circa 15 dipendenti – aggiungono i sindacalisti – che hanno paura di perdere il posto di lavoro se non si darà seguito anche a quanto richiesto da diversi consiglieri con un emendamento. Facciamo appello quindi all’amministrazione tutta affinchè, con la vendita (che sia tale e non una svendita al di fuori di ogni logica industriale) di Asec trade, non si disperda questo piccolo ma importante di risorse umane e si faccia in modo di salvaguardarne il livello occupazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento