Dissesto, Pogliese incontra il vice ministro Castelli: "Per Catania c'è apertura del governo"

Missione romana per il primo cittadino e l'assessore Bonaccorsi. Sul tavolo misure per sostenere le precarie casse dell'ente

Sembra positivo il primo incontro del sindaco Pogliese con il vice ministro all'economia Laura Castelli. Sul tavolo la precaria condizione economica dell'ente dopo il dissesto e una serie di misure che il primo cittadino aveva già sottoposto ai deputati catanesi e che, nel corso del pomeriggio, ha elencato all'esponente del governo gialloverde.

“Ho registrato la disponibilità del viceministro Laura Castelli a sostenere il cammino di risanamento del comune di Catania, che per essere efficace fino in fondo deve fondarsi su nuovi strumenti legislativi immediati e riforme del Testo Unico degli Enti Locali per i comuni in dissesto”.

Alla riunione ha partecipato anche il vicesindaco e assessore al bilancio Roberto Bonaccorsi che, insieme ai dirigenti e ai funzionari comunali, ha elaborato un pacchetto di misure per sostenere l’azione di giunta e consiglio comunale a superare la situazione di dissesto economico finanziario del Comune.


“Il governo - hanno detto il sindaco e il vicesindaco - si è mostrato disponibile a valutare, anche con urgenza, alcune delle nostre proposte. Siamo fiduciosi, perchè oltre alla concreta attenzione alle misure necessarie che abbiamo rappresentato (moratoria temporanea pagamento mutui e anticipazione pagamenti ex dl 35/2013; rinegoziazione mutui; sostegno all’accesso alla liquidità di tesoreria, riforma delle norme del Tuel relative al dissesto) abbiamo apprezzato la condivisione dell’attuale oggettiva insostenibilità della situazione attuale delle nostre finanze comunali”.

A questo proposito, Pogliese ha reso noto che “un prossimo incontro col governo a Roma si terrà entro una decina di giorni e che una volta messe a punto le misure informeremo anche la deputazione catanese che per la gran parte ha raccolto il nostro appello a sostenere le azioni che abbiamo messo in campo, tenuto conto anche della nostra specificità di capoluogo metropolitano”.


Nel corso della riunione, a cui per una parte ha partecipato anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, è stato affrontato il tema della tari da inserire per legge nella bolletta elettrica. Un punto su cui il viceministro Castelli ha mostrato apertura, fermo restando i necessari approfondimenti di carattere tecnico che sono allo studio e su cui nei prossimi giorni si potrebbero avere dettagli concreti.

Potrebbe interessarti

  • Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

  • Emorroidi: cause, rimedi e prevenzione

  • Sbornia: cause, sintomi e rimedi

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Catania, i 15 eventi del week-end: Festa dell'arancino, Sagra del pane condito, Noah LIVE

  • "Hai mai fatto l'amore", la frase del romeno di 31 anni prima delle molestie: arrestato

  • Incidente stradale in tangenziale, auto pirata investe un motociclista e scappa

  • Topo d'appartamento preso dai "Falchi" in viale Mario Rapisardi

  • Incidente stradale a Bronte, un morto: traffico bloccato sulla statale 284

  • Latitante si nascondeva grazie ad un buco in garage

Torna su
CataniaToday è in caricamento