Sequestrate a Catania 34 mila racchette elettriche, sono pericolose

Sono state sequestrate a Catania 34 mila racchette elettriche, le famose uccidi insetti, perchè siglate con con falso marchio di conformità e ritenute pertanto pericolose

Sono state sequestrate a Catania 34 mila racchette elettriche, le famose uccidi insetti, perchè siglate con con falso marchio di conformità e ritenute pertanto pericolose.

Infatti, i funzionari dell'ufficio delle dogane di Catania hanno sequestrato un container, proveniente dalla Cina, con all'interno 34.500 racchette elettriche, per uccidere gli insetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un'attenta verifica da parte dei funzionari doganali la merce, che presentava un falso marchio CE, e' risultata non conforme alle norme di sicurezza previste dalla normativa europea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento