Domiciliari e braccialetto elettronico per l'ex deputato Ars Nicotra

Lo ha deciso il tribunale del riesame. L'ex parlamentare è indagato dalla Dda della Procura di Catania per concorso esterno all'associazione mafiosa, voto di scambio e estorsione

Arresti domiciliari, ma con l'obbligo del braccialetto elettronico, per l'ex deputato all'Ars Raffaele 'Pippo' Nicotra, 62 anni, arrestato il 10 ottobre scorso dai carabinieri nell'ambito dell'operazione ''Aquilia''. Lo ha deciso il tribunale del riesame. L'ex parlamentare è indagato dalla Dda della Procura di Catania per concorso esterno all'associazione mafiosa, voto di scambio e estorsione. Secondo l''accusa avrebbe pagato 50mila euro per avere l'appoggio del clan Sciuto, legato alla 'famiglia' Santapaola-Ercolano, alle elezioni per le Regionali in Sicilia del 2008 e 50 euro a voto per la competizione successiva, nel 2012, all'Ars.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento