Don Carlo Chiarenza accusato di pedofilia, procura di Catania chiede l'archiviazione

E' accusato di aver abusato sessualmente di un parrocchiano quando la vittima aveva 14-15 anni tra il 1989 e il 1990. La Procura di Catania ha chiesto al Gip l'archiviazione per prescrizione del reato. I magistrati scrivono comunque come "le dichiarazioni rese dalle persone offese sono risultate dettagliate, coerenti e circostanziate"

Don Carlo Chiarenza, l'ex parroco di San Paolo ad Acireale, è accusato di aver abusato sessualmente di un parrocchiano quando la vittima aveva 14-15 anni tra il 1989 e il 1990. Sono passati ben 25 anni dall'epoca dei fatti contestati. Un arco di tempo ampio che ha spinto la Procura di Catania a chiedere al Gip l'archiviazione per prescrizione del reato. A denunciare il prete era stato un catanese di 38 anni, che lavora negli Stati Uniti, facendo ascoltare una registrazione audio fatta di nascosto tra lui e don Carlo.

LA TESTIMONIANZA CHOC

Per lo stesso reato la Congregazione per la Dottrina della Fede del Vaticano ha condannato in primo grado, nell'agosto del 2013, il sacerdote "a dimorare per alcuni anni fuori dalla Diocesi non assumendo incarichi ecclesiali e non svolgendo il ministero in pubblico".

I magistrati scrivono come "le dichiarazioni rese dalle persone offese sono risultate dettagliate e coerenti, circostanziate (e perciò stesso incompatibili con l'invenzione dei fatti narrati)". Nonostante questo la possibilità è quella che con la prescrizione dei fatti non possa mai svolgersi un processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella richiesta di archiviazione la Procura evidenzia che l'inchiesta è "evidentemente pregiudicata dall'effetto dell'istituto della prescrizione", ma scrivono  "Il decorso del termine di prescrizione - osservano - non consente di indugiare oltre al riguardo, seppure non possa rimarcarsi la mancata emersione di elementi atti a comprovare la falsità delle accuse". Il legale della vittima, l'avvocato Giampiero Torrisi, che ha reso nota la decisione della Procura, ha annunciato che "non proporrà alcuna opposizione alla richiesta di archiviazione" avanzata dai Pm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento