Il Gruppo Arena riunisce 30 aziende siciliane per una raccolta alimentare

Circa 200 mila euro in merce di prima necessità è stata donata dal Gruppo Arena e dalle storiche aziende partner coinvolte

“Alimentiamo la Speranza” è il titolo dell’iniziativa promossa dal Gruppo Arena che, in questa fase delicata di emergenza, ha voluto riunire 30 note aziende siciliane per un’unica grande raccolta alimentare da donare alle famiglie più colpite dall’allerta coronavirus, in stretta collaborazione con la Rete del Banco Alimentare Onlus Sicilia, tramite le piattaforme delle province di Palermo e Catania. Circa 200 mila euro in merce di prima necessità è stata donata dal Gruppo Arena e dalle storiche aziende partner coinvolte, fortemente legate alla Sicilia e che della propria terra e della propria gente ne hanno fatto un valore, con visione ed innovazione, dimostrando in questo momento critico la collaborazione più pura e solidale: Gruppo Arena - Decò e SuperConveniente, Zappalà, Dais, Agromonte, Tomarchio, Oleificio Barbera, Poiatti, Il Cavalcatore, Diesse, Siaz - Fattoria del Casale, Acqua Santa Maria, Valle del Grano, Agrisicilia, Acqua Fontalba, Agrosan, Tenute Arena, Soc. Coop Agr. Apicoltori Etnei, Gustibus, Ionia Caffè, Oli Fratelli Madonia, Pan Dittaino, Acqua Sabrinella, Sial, Terravecchia, Biscotti Paolo Forti, Fratelli Torrisi, Biscotti Tumminello, Dolfin, Masseria Raciti, Ragusa Latte, Dolgam e Arena Biscotti. “In un momento come questo, afferma Giovanni Arena - DG del Gruppo Arena – ognuno è chiamato a fare la sua parte. Per il nostro Gruppo e per le trenta importanti Aziende Siciliane che hanno accolto e sostenuto con entusiasmo ed umanità la nostra iniziativa è del tutto naturale essere vicini alla nostra comunità, con rispetto e sensibilità. Questa emergenza che ha colpito tutti rende ancora più importante il nostro sforzo per rispondere ai bisogni della nostra gente, come segno di normalità e vicinanza, soprattutto in questi giorni di festa. La Sicilia che produce non si deve fermare neanche davanti a questa circostanza critica e delicata e Banco Alimentare della Sicilia Onlus che da anni diffonde la cultura della solidarietà e della carità, è una realtà consolidata con la quale ci pregiamo di poter collaborare da molto tempo”.

"Questa fase di emergenza - dichiara Francesco Pecorino - Amministratore Unico di Gustibus, ci impegna a riflettere su come sia importante fare rete e creare sinergie per fronteggiare con coraggio e umanità questo terremoto sociale ed economico che ha investito tutti. Dalle prime fasi di allerta, Gustibus ha scelto di sostenere moltissime iniziative solidali in tutto il territorio siciliano, confermando concretamente il nostro impegno per il territorio ed accogliendo con grande stima l’invito a partecipare all’iniziativa promossa dal Gruppo Arena".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo molto felici di questa donazione - ha commentato Pietro Maugeri, presidente del Banco Alimentare della Sicilia Onlus - e ringrazio personalmente tutto il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Arena e il direttore generale, Giovanni Arena, per questo gesto che dà valore alla nostra opera e crea un circolo virtuoso di solidarietà mettendo insieme le grandi aziende siciliane e il mondo del volontariato per raggiungere l'obiettivo, preciso e sentito, di dare da mangiare a quanti si trovano in una condizione di disagio. Il Banco Alimentare da trent'anni si occupa di recuperare cibo, o donazioni di cibo, che possono dare conforto e sollievo a tantissimi siciliani: oltre 220mila, fino allo scorso anno, ma con percentuali aumentate anche del 40% in queste settimane così difficili e di particolare emergenza legata al Covid-19. Una scelta di cuore che regala un abbraccio immenso a chi si trova in una stringente difficoltà. Siamo commossi e particolarmente grati – ci tiene a sottolineare ancora Pietro Maugeri - per questa dimostrazione di solidarietà nella quale ciascuno, profit e no profit, nel proprio ruolo e con le proprie peculiarità, ha messo a fattor comune la consapevolezza di pensare agli altri, magari anche a chi abbiamo vicino. Un segno indimenticabile per questa Pasqua così diversa dal solito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento