Donna uccisa al cimitero, il figlio della vittima chiede la riesumazione della salma

La richiesta di incidente probatorio è stata già depositata alla cancelleria del Gip. Il legale di Matà, l'avvocato Giuseppe Lipera, ha reso noto che "l'atto è ritenuto indispensabile per cercare di dare un volto all'autore, o agli autori, di questo atroce crimine"

Fabio Matà, figlio di Maria Concetta Velardi, la donna di 59 anni uccisa nel cimitero di Catania il 7 gennaio scorso, ha chiesto attraverso i suoi legali, la riesumazione della salma della madre e nuovi accertamenti medico legali.

La richiesta di incidente probatorio è stata già depositata alla cancelleria del Gip. Il legale di Matà, l'avvocato Giuseppe Lipera, ha reso noto che "l'atto e' ritenuto indispensabile per cercare di dare un volto all'autore, o agli autori, di questo atroce crimine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento