Donna vittima di stalking si salva grazie ad un messaggio su WhatsApp

Il pregiudicato catanese R.P. di 47 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, è stato messo agli arresti domiciliari

Aveva reso impossibile la vita della convivente, con aggressioni fisiche e verbali. Più volte la donna era dovuta ricorrere alle cure dei medici ed alla fine aveva deciso di andare via di casa, credendo però alle sue promesse di cambiamento, prive di fondamento.

A questo punto, ha deciso di lasciarlo e di rivolgersi ai carabinieri della stazione di Gravina di Catania per denunciare e raccontare le vicissitudini di quella tormentata storia d’amore. Ad accogliere ed ascoltare la vittima un maresciallo donna che, per rassicurarla, alla fine della stesura della denuncia le ha fornito il proprio numero di telefono cellulare.

Accorgimento che l’altra notte le è stato fondamentale per chiedere aiuto al maresciallo, tramite un messaggio su WhatsApp, in quanto l’ex era entrato in casa per minacciarla, aggredirla e intimarle di vestirsi e seguirlo. Il maresciallo, ricevuto il messaggio, ha immediatamente attivato la centrale operativa della compagnia di Gravina che ha inviato sul posto un equipaggio del nucleo Radiomobile che, oltre a bloccare ed ammanettare l'uomo, ha accertato come lo stesso poco prima avesse sfondato a calci la porta di casa, per entrare nell’immobile ed aggredire la poveretta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colpevole, secondo la versione fornita dall’aggressore, di nascondere in casa un amante. La donna, visitata dai medici del pronto soccorso del Policlinico di Catania, struttura in cui è attivo un servizio di  “codice rosa” dedicato proprio alle donne vittime di violenza, è stata giudicata affetta da traumi in diverse parti del corpo, guaribili in una decina di giorni. L’arrestato, il pregiudicato catanese R.P. di 47 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, è stato messo agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento