Dopo l'ondata di maltempo si contano ancora i danni nei vari quartieri

Dopo l'iniziativa dei consiglieri della prima circoscrizione e del presidente Salvatore Romano che hanno eseguito controlli sul quartiere per segnalare diverse criticità, raccogliamo l'appello del consigliere Maurizio Mirenda per i disagi  nei quartieri di Balatelle, Monte Po, San Giuseppe La Rena, Cibali e Ognina

Monte Po

Nei vari quartieri di Catania, dopo l'ondata di maltempo, si continuano a contare i danni. Dopo l'iniziativa di ieri dei consiglieri della prima circoscrizione e del presidente Salvatore Romano che hanno eseguito controlli sul quartiere per evidenziare e segnalare diverse criticità alle varie direzioni del Comune di Catania, raccogliamo l'appello del consigliere Maurizio Mirenda per i disagi  nei quartieri di Balatelle, Monte Po, San Giuseppe La Rena, Cibali e Ognina.

Tombini otturati, caditoie coperte da colate di asfalto e chiusini mai adeguatamente curati. "Di strade in queste condizioni a Catania se ne trovano a decine. Il motivo è sempre lo stesso: i lavori di pulitura insufficienti perché gli operai addetti alla manutenzione degli impianti sono pochi e con strumenti inadeguati per affrontare questo tipo di emergenza. Interventi che spesso vengono portati a termine a macchia di leopardo", commenta Mirenda.

ALLAGAMENTI A MONTE PO ( GUARDA IL VIDEO)

Il maltempo e le piogge di questi ultimi giorni, quindi, non bastano a spiegare gli allagamenti che la città sta subendo secondo il consigliere. "Le condutture sotterranee non riescono a garantire il normale deflusso delle acque piovane con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Come componente del gruppo 'Grande Catania' ho più volte denunciato la carenza di un sistema di condutture e caditoie che da anni presenta troppe pecche. Nelle ultime settimane i disagi e le difficoltà hanno colpito i quartieri di Balatelle, Monte Po, San Giuseppe La Rena, Cibali e Ognina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Territori vasti che, soprattutto nella fascia esterna della città, raccolgono l’acqua piovana proveniente dai paesi circostanti. La conseguenza è che bastano poche ore di pioggia per ritrovarsi con le strade allagate, le auto in panne e una viabilità completamente in tilt. In via Caduti del Lavoro addirittura mancano i tombini con il passaggio delle auto che provoca bagni indesiderati ai pedoni e gli scooter rischiano di cadere da un momento all’altro. Per queste ragioni chiedo al Sindaco Bianco più attenzione e sicurezza verso tutti i quartieri cittadini. Passata la fase di emergenza, ci si dovrà attivare immediatamente per un programma di lavoro che elimini dalle strade cittadine un nuovo rischio allagamenti", conclude mirenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento