Dottoressa violentata a Trecastagni, i legali: "Le denunce non sono servite a nulla"

Lo affermano, in una nota gli avvocati del medico che ha subìto violenza sessuale durante un turno notturno in guardia medica

"Non possiamo esimerci dal segnalare come vicende analoghe, per quanto frutto di singoli sconsiderati gesti, siano solo apparentemente occasionali, come dimostrato dalle cronache locale degli ultimi anni, evidente sintomo di un totale disinteresse delle autorità preposte alla gestione e all'organizzazione del settore". Lo affermano, in una nota, i legali della dottoressa della guardia medica di Trecastagni aggredita e violentata mentre era in servizio.

"A nulla - prosegue la dichiarazione - sono valse le richieste di tutela e protezione, le denunce, gli appelli da parte di una categoria di professionisti sempre più abbandonata a se stessa e alla quale ancora una volta viene presentato un conto salatissimo. Quanto verificatosi, se ve ne fosse ancora bisogno - sottolineano i legali della dottoressa - dimostra come le cautele da oggi apprestate siano a dir poco inconsistenti che non è più possibile tergiversare trincerandosi dietro problemi di disponibilità economica dell'azienda poiché come più volte ribadito e segnalato la sicurezza sul posto di lavoro di tutti gli operatori sanitari è un problema reale che non può più essere sottovalutato. Auspichiamo che anche in questo senso vengono avviati i dovuti accertamenti al fine di acclarare eventuali responsabilità ed evitare che episodi di siffatta gravità possano ripetersi" .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli avvocati prendono "atto della vicinanza manifestata dai vertici dell'Asp, dalle istituzioni, dalle associazioni di categoria e da quanti in questo momento si sono immedesimati, anche per un attimo soltanto, nei panni della sfortunata protagonista di questa vicenda". E, "a nome della dottoressa di questo orribile storia e dei suoi familiari", aggiungono, "non possiamo che ringraziare, una volta di più, le forze dell'ordine e più in particolare la compagnia dei carabinieri di Acireale per l'impareggiabile contributo umano e professionale fornito e la magistratura nella quale riponiamo la massima fiducia per una approfondita valutazione dell'occorso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento