Droga a San Cristoforo: 22 persone condannate a 189 anni di reclusione

Riuscivano a incassare tra i 20mila e i 30mila euro al giorno vendendo cocaina e marijuana a San Cristoforo. Ai vertici dell'organizzazione, secondo l'accusa, c'era Giuseppe Alessandro Platania, affiancato da Domenico Querulo

Riuscivano a incassare tra i 20mila e i 30mila euro al giorno vendendo cocaina e marijuana e servendosi di una rete di pusher che operava nello storico rione San Cristoforo di Catania 24 ore al giorno su 24. Per questo 22 persone, ritenute vicine alla cosca Cappello-Bonaccorso, sono state condannate, complessivamente, a 189 anni e 4 mesi di reclusione. La sentenza, che ha accolto le richieste dei pm Pasquale Pacifico e Lina Trovato, è stata emessa dal Gip Anna Maggiore a conclusione del processo che si è celebrato col rito abbreviato.

Ai vertici dell'organizzazione, secondo l'accusa, c'era Giuseppe Alessandro Platania, affiancato nella gestione da Domenico Querulo, nipote del boss Orazio Privitera, e da Giuseppe Montagna, imparentato con i fratelli Finocchiaro. I tre sono stati condannati, ciascuno, a 20 anni di reclusione per associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti aggravato dall'avere favorito la mafia. Stessa condanna è stata comminata a Manuele Lopis. Platania è stato riconosciuto colpevole di avere fatte parte dell'associazione mafiosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento