menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico e vendita al dettaglio di droga, quattro donne gestivano gli affari

Gli indagati organizzavano frequenti viaggi per consegnare ingenti quantità di droga destinate alla vendita al dettaglio nei comuni di Mirabella Imbaccari, Caltagirone e Piazza Armerina, riuscendo a smerciare fino ad 1 kg di stupefacente al giorno

Oltre 100 carabinieri del comando provinciale di Catania, supportati da militari della compagnia di intervento operativo del XII Battaglione “Sicilia” e del nucleo cinofili di Nicolosi, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Catania, nei confronti di 8 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione e porto illegale di armi da fuoco.

I nomi degli arrestati

Il provvedimento trae origine da un’indagine, denominata “Panta Rei”, condotta dalla compagnia dei carabinieri di Caltagirone, inizialmente coordinata dall’aprile del 2016 dalla Procura della Repubblica di Caltagirone e successivamente, per ragioni di competenza funzionale, diretta da questa Procura Distrettuale.

L’indagine, attraverso attività tecniche e dinamiche, ha consentito di accertare la responsabilità degli indagati in merito ad una fiorente attività di traffico e vendita al dettaglio di cocaina, marijuana e hashish. Gli indagati organizzavano frequenti viaggi per consegnare ingenti quantità di droga destinate alla vendita al dettaglio nei comuni di Mirabella Imbaccari, Caltagirone e Piazza Armerina, riuscendo a smerciare fino ad 1 kg di stupefacente al giorno.

L’indagine in esame ha permesso di disegnare l’organigramma dell’associazione in cui il vincolo è risultato rafforzato dai legami familiari esistenti, con la possibilità di riprendere le attività illecite dopo l’arresto di alcuni degli associati.

Particolare rilievo ha assunto il ruolo delle donne - quattro delle quali destinatarie di misura cautelare – alle quali erano devolute precise mansioni di carattere non marginale come la gestione degli approvvigionamenti, il confezionamento e la vendita la dettaglio dello stupefacente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Sicurezza

Fughe delle piastrelle: i prodotti da utilizzare

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento