Droga, arrestato corriere con quasi 2 chili di marijuana nascosti nell'auto

I militari del nucleo di polizia economico- finanziaria di Catania, assistiti da una unità cinofila, hanno sottoposto a controllo una Fiat Punto all’uscita del casello autostradale di Giarre

I finanzieri del comando provinciale di Catania hanno tratto in arresto, nei pressi del casello autostradale di Giarre, un catanese che trasportava 1,8 kg di marijuana. Ieri, infatti, i militari del nucleo di polizia economico- finanziaria di Catania, assistiti da una unità cinofila, hanno sottoposto a controllo una Fiat Punto all’uscita del casello autostradale di Giarre.

Il guidatore, G.B. (classe 1956) con diversi precedenti di polizia (tra i quali possesso ingiustificato di valori, porto abusivo di armi, estorsione e furto), sin dalle prime domande di rito poste dai finanzieri, ha manifestato chiari segni di nervosismo. Ed infatti, l’attività ispettiva, anche grazie al fiuto del pastore tedesco “Zaro”, ha consentito di rinvenire, all’interno dei vani delle portiere posteriori dell’autovettura, quattro buste trasparenti sottovuoto contenenti una sostanza vegetale che da successiva analisi qualitativa è risultata essere marijuana.

La marijuana sequestrata, destinata al mercato etneo, avrebbe fruttato, nella vendita al dettaglio, oltre 18 mila euro. Informata la Procura Distrettuale della Repubblica, il corriere, nato a Catania e con dimora a Mascalucia, è stato arrestato ed accompagnato presso la casa circondariale di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

  • Coronavirus, registrate complicanze neurologiche nei bambini coinvolti

Torna su
CataniaToday è in caricamento