Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Spaccio di droga tra Catania ed Enna: 21 persone arrestate

Il rifornimento delle sostanze stupefacenti, avveniva oltre che a Catania e Palermo, soprattutto nei vicini comuni di Palagonia, Castel di Iudica, Raddussa e Mirabella Imbaccari.

Ventuno persone sono state arrestate  dai carabinieri, tra Enna e Catania, per spaccio di cocaina, eroina e hashish. L'indagine, denominata "Mangiafuoco", prende il nome dal principale indagato. Oltre cento i carabinieri coinvolti nell'operazione, con l'ausilio di unità cinofile antidroga e il supporto di un elicottero dell'Arma che ha sorvolando le zone in cui sono state svolte le perquisizioni domiciliari.

Il rifornimento delle sostanze stupefacenti, avveniva oltre che a Palermo e Catania, soprattutto nei vicini Comuni di Raddusa, Castel di Iudica, Palagonia e Mirabella Imbaccari. 

Le ordinanze di custodia cautelare in carcere riguardano Fabio Nicotra 33 anni, di Piazza Armerina, pregiudicato; Vincenzo Ciccia, 39 anni di Raddusa; Giuseppe Mascara 32 anni, Piazza Armerina; Andrea Commendatore, 24 anni 24, Piazza Armerina, incensurato; Salvatore Contraffatto, 26 anni, Piazza Armerina; Cristian Sudano, 35 anni di Aidone; Davide Barrile, 41 anni, Aidone; Antonio Risiglione, 43 anni, Castel di Iudica ; Salvatore Santamaria, 47 anni, Castel di Iudica; Gaetano Ardizzone, 46 anni Palagonia.

 Le ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari hanno raggiunto Salvatore Nicotra, 47 anni, Piazza Armerina; Ambrogio Tagliarina, 20 anni, Piazza Armerina, con precedenti; Gianluca Giuseppe Aguglia, 39 anni, Piazza Armerina; Maurizio Ingala, 35 anni, Mirabella Imbaccari ; Emanuele Barrile, 23 anni, Aidone; Filippo Ribaudo,29 anni, Aidone; Lorenzo Milazzo, 46 anni Aidone; Luigi Gugliara, 49 anni, Aidone; Fiorenzo Vito Risigliene, 70 anni, Castel di Iudica; Rosaria Vitale, 66 anni, Castel di Iudica; Vittorio Pirronitto, 59 anni, Palagonia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga tra Catania ed Enna: 21 persone arrestate

CataniaToday è in caricamento