Droga: il fornitore era un dipendente del Comune etneo, arrestato

Sgominata una vasta organizzazione dedita allo spaccio di droga. Durante le telefonate i pusher discutevano di carichi di gamberi, ma si trattava di cocaina e hashish

Sgominata una vasta organizzazione dedita allo spaccio di droga in particolare alle isole Eolie, che si riforniva a Messina, Catania, Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo. Durante le telefonate, per non farsi scoprire dagli investigatori discutevano di carichi di gamberi, ma era cocaina e hashish.

Ventuno le persone arrestate, due quelle ricercate, nell'operazione «Ice Pool» eseguita stamani dalle fiamme gialle. Sono accusate di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Nove di loro si trovano ai domiciliari, 12 in carcere.

A rifornire la vasta organizzazione di sostanze stupefacenti era S. R.,un  dipendente del comune di Catania. Ma la droga arrivava anche da Milazzo grazie a A. S. che approfittava come copertura della sua ditta di surgelati di Torregrotta .
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento