Droga, operazione “pret à porter”: a gestire il traffico il clan Pillera-Puntina

Complessivamente, nel corso dell'operazione sono stati sequestrati circa 14 chilogrammi di cocaina, 28 chilogrammi di marijuana del tipo "Orange Skunk" e sono state tratte in arresto 10 persone in flagranza di reato

Dalle luci dell’alba, oltre 200 militari del Comando Provinciale di Catania stanno dando esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa  dal GIP del locale Tribunale, nei confronti di 42 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti ed al possesso e detenzione di armi da fuoco. L’operazione, denominata “pret à porter”, ha interessato le province di Catania, Napoli, Palermo, Caserta, Ragusa, Bologna, Siracusa, Enna, Cosenza, Terni  ed Isernia.

La richiesta dei provvedimenti è stata avanzata dai Pubblici Ministeri Antonino Fanara ed Andrea Bonomo, sostituti procuratori della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, sulla scorta degli esiti delle indagini dei Finanzieri del G.I.C.O del Nucleo di Polizia Tributaria di Catania. Le indagini della  Guardia di Finanza sono iniziate nel 2006 dopo che all’ aeroporto “Catania - Fontanarossa”, era stata arrestata una donna di origine dominicana, di professione  “fotomodella”, appena sbarcata da un volo proveniente dai Paesi Bassi, che aveva ingerito 98 ovuli che contenevano poco più di un kg di  cocaina.
Dall’arresto della donna sono state avviate complesse investigazioni che hanno permesso di identificare sia i fornitori che i destinatari dello stupefacente sequestrato.

Le successive intercettazioni, corroborate da una incalzante attività di polizia giudiziaria di tipo tradizionale (osservazioni, sopralluoghi, pedinamenti, e appostamenti), hanno portato alla fine alla luce l’esistenza di  una associazione per delinquere composta da italiani, alcuni dei quali noti come organici ad associazioni mafiose, e soggetti stranieri. Ma l’aspetto più caratterizzante di questa operazione è da individuarsi nella ricostruzione delle rotte adoperate dai clan mafiosi catanesi per il controllo dello spaccio nelle piazze della città e della vicina provincia di Ragusa. Da una parte, il clan “Pillera-Puntina”,  capitanato da Francesco Ieni, soprannominato “u’ castoro”, figlio del più noto Giacomo “Nuccio” Ieni; dall’altro, il clan “Laudani”, capeggiato da Laudani Sebastiano, nipote del capostipite dell’omonimo clan mafioso. In particolare, questi ultimi si  rifornivano di  grosse partite di cocaina in Campania da esponenti di spicco del clan camorristico di Torre Annunziata dei “Gionta”, tra i quali il noto Pasquale Gionta, figlio del  capostipite, Valentino Gionta.

Ma la Campania non era l’unica fonte di approvvigionamento. Come ogni organizzazione che si rispetti, anche quella dei trafficanti di droga aveva diversificato il rischio, ricorrendo anche ad altri tipi di stupefacenti (marijuana Orange Skunk” ed Ecstasy) e ad altri metodi di importazione, come quello che prevedeva il reclutamento di corrieri “ovulatori” direttamente all’estero e disposti anche a rischiare la vita pur di guadagnare qualche centinaio di euro per un singolo viaggio. In questi casi, per curare i rapporti tra i gruppi catanesi ed i grossisti residenti all’estero  era stata creata una rete di soggetti sudamericani che dimoravano stabilmente a Catania e che, oltre ad organizzare le fasi logistiche finalizzate ad accogliere i corrieri, provvedevano anche al trasferimento degli introiti ricavati dalla transazioni andate a buon fine utilizzando i servizi di “Money Transfer”.

Invece, il gruppo catanese operante per conto del clan “Pillera –Puntina” aveva creato una base logistica a Bologna, dove venivano stoccate le partite di  marijuana “Orange Skunk” provenienti dall’Olanda da destinare, successivamente, a Catania utilizzando  veicoli presi a noleggio o, più semplicemente, il treno.
Le indagini hanno seguito tutte le fasi della distribuzione, fino allo spaccio. Da qui, i numerosi casi documentati dai finanzieri del G.I.C.O. di spaccio e  detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Complessivamente, nel corso dell’operazione sono stati sequestrati circa 14 chilogrammi di cocaina, 28  chilogrammi di marijuana del tipo “Orange Skunk” e sono state tratte in arresto 10 persone in flagranza di reato.

Parallelamente, sono stai svolti anche approfonditi accertamenti patrimoniali, per individuare i beni immobili e le autovetture acquistate con i proventi dell’attività illecita. La complessa attività di polizia economico-finanziaria ha consentito di sottoporre a sequestro beni mobili (autovetture-moto) immobili (appartamenti e garage) e conti correnti riconducibili agli indagati, per un valore complessivo di 5 milioni di euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento