Due topi d'auto bloccati al Cibali durante il concerto di Ligabue

Hanno approfittato del concerto in corso al Massimino per rubare alcuni oggetti contenuti dentro auto in sosta, tentando poi il furto di una fiat Panda

Nella tarda serata di ieri gli agenti della squadra mobile hanno arrestato Biondi Andrea (cl.1978) e Marino Francesco (cl. 1975), incensurati, per il reato di concorso in tentato furto aggravato di autovettura. Alle 23:30 circa, un equipaggio di moto volante impegnata una ricognizione delle aree adiacenti lo Stadio Cibali, dove era in atto il concerto del cantante Ligabue, li ha colti sul fatto in via Deodato, mentre stavano armeggiando sulla serratura di una Panda. Mentre Biondi stava cercando di aprire l’auto utilizzando una chiave esagonale, l’altro era pronto alla messa in moto con una centralina che teneva in mano. Alla vista della pattuglia i due cercavano di darsi alla fuga, ma venivano subito raggiunti ed ammanettati.

Poco distante veniva rinvenuta l’auto con cui erano giunti, al cui interno, sotto il sedile del passeggero, vi erano occultati altra centralina, un giravite ed una torcia tascabile. Nel cofano venivano invece rinvenuti due zainetti, in uno dei quali vi era un indumento femminile, due navigatori satellitari e due telefoni cellulari, nell’altro un paio di pattini. Sempre nel bagagliaio vi erano due racchette da tennis, due hard disk, due alimentatori per pc, nonché una busta con la scritta “Emporio 88”, contenente tredici capi d’abbigliamento per bambini con ancora apposte le etichette con i prezzi, nonché uno scontrino fiscale relativo all’acquisto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appariva quindi probabile che prima di cercare di asportare l’auto che a loro interessava i due ne avevano razziate altre. Al termine delle formalità, sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari, in attesa del giudizio che si sarebbe celebrato nella giornata di domani con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento