Duro colpo al clan Santapaola, i nomi degli arrestati

Un'inchiesta antimafia della Procura di Catania ha permesso di infliggere un duro colpo al gruppo di Cosa nostra che opera nel rione Picanello, ritenuto uno dei più fedeli al clan Santapaola

Nel procedimento, denominato Orfeo, ci sono altri nove indagati in stato di libertà, compreso un cancelliere della Procura, accusato di avere passato notizie segrete a un affiliato su indagini in corso. A tutti è stato notificato l'avviso di conclusione indagini preliminari. 

I nomi degli arrestati:
1.    Battaglia Marco cl.69 , tradotto presso la casa circondariale di Siracusa.

2.    Battiato Davide cl.73 , tradotto presso la casa circondariale di Siracusa.

3.    Brischetto Marco cl.82, tradotto presso la casa circondariale di Siracusa.

4.    Maimone Carmelo cl.64, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.

5.    Panebianco Michelecl.63, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.

6.    Santonocito Corrado cl.63, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.

7.    Scalia Domenico Fabio cl.85, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.

8.    Spampinato Simone cl.92, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.

9.    Tosto Giovanni Antonino cl.78, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.

10.    Zuccaro Vincenzo cl.71, tradotto presso la casa circondariale di “Catania-Bicocca”.


 (Già detenuti):
1.    Pavone Lorenzo cl.70,     detenuto - casa circondariale "lanciano".


2.    Petralia Giuseppe cl.80, detenuto - casa di reclusione “palermo ucciardone”.


3.    Tringale Giuseppe cl.70, detenuto - casa circondariale trapani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento