Elezioni Comunali, il candidato del M5S Grasso indica altri due assessori

Dopo la designazione di Matilde Montaudo come vicesindaco e di Gianfranco Caudullo come assessore all’Urbanistica, è ora la volta di Loredana Mazza ai Servizi sociali e di Guido Ciraolo alle Partecipate e al Patrimonio

Giovanni Grasso, candidato sindaco del M5s, indica altri due assessori nella rosa dei nomi che faranno parte di un’eventuale giunta a 5 Stelle al Comune di Catania. “Sono due professionisti d’eccellenza, con un ottimo curriculum. La loro esperienza e le loro capacità daranno un contributo essenziale al cambiamento che vogliamo portare nella nostra città”, precisa Grasso. Dopo la designazione dell’avvocatessa Matilde Montaudo nel ruolo di vicesindaco e dell’ingegnere Gianfranco Caudullo come assessore all’Urbanistica, è ora la volta di Loredana Mazza ai Servizi sociali e di Guido Ciraolo alle Partecipate e al Patrimonio. Loredana Mazza, avvocatessa, è la presidente di un centro antiviolenza.

“Più che di assessorato ai Servizi sociali - dice - sarebbe opportuno parlare di assessorato ‘dell’Ascolto’. Ho alle spalle un percorso, lungo 10 anni, di ‘ascolto’ delle persone, di famiglie, donne e giovani, e metto la mia esperienza a disposizione del MoVimento per cercare di risolvere i gravi problemi legati al disagio, in particolare quelli relativi alla disabilità, al bullismo e alla mancanza di abitazione”. Guido Ciraolo, economista e manager, attualmente è presidente del cda di un cantiere navale. “Sono nato a Messina - spiega - ma sono un catanese di adozione. In tutta la mia carriera mi sono occupato, come amministratore e consulente, di grosse aziende nazionali. Mi pongo l’obiettivo di migliorare e ottimizzare le condizioni del patrimonio di una città che nel ’73 era considerata la Milano del Sud e di cui adesso è rimasto ben poco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento