Emergenza freddo, la Caritas distribuisce coperte e indumenti ai senza fissa dimora

Comincerà domani sera, martedì 5 dicembre, la distribuzione di coperte e indumenti per l'emergenza freddo da parte dei volontari

Comincerà domani sera, martedì 5 dicembre, la distribuzione di coperte e indumenti per l'emergenza freddo da parte dei volontari della Caritas Diocesana di Catania nei confronti dei senza fissa dimora della città. Dopo la partenza dall'Help Center della stazione centrale, la prima fermata sarà intorno alle ore 19:15, presso Piazza della Repubblica, poi si proseguirà per Corso Sicilia, Archi della Marina, Aeroporto, Piazza Giovanni Verga e altri luoghi della città.

Ai senza fissa dimora, tramite il servizio Unità di Strada della Caritas, saranno distribuiti 2 coperte di lana a testa, mutande e calze di lana, cappellino e sciarpa. Le coperte utilizzate fanno parte di una donazione di 4 mila unità complessive, offerte da “Save The Children” e da una caserma dell'Esercito Italiano. Il resto del materiale distribuito è stato acquistato dalla Caritas Diocesana. Continuerà, come di consueto, la distribuzione dei pasti caldi che l'Unità di Strada effettua tutti i giorni nei confronti dei clochard. Diversi anche i servizi di ospitalità, gestiti direttamente o in rete dalla Caritas, per chi non ha un posto dove vivere in seguito a particolari situazioni di emergenza. In particolare, tra le attività presenti per tutto il corso dell'anno, ci sono i gruppi appartamento che mettono a disposizione dei locali per uomini separati e ragazzi padri, donne vittime di violenza e ragazze madri con figli minori.

A partire da lunedì 11 dicembre, come ogni anno, sarà attivo il Centro di accoglienza “Erwin” per i senzatetto, un dormitorio da 12 posti, presso la parrocchia del SS. Crocifisso dei Miracoli. Il servizio è gestito in collaborazione con la Caritas Diocesana che si occupa di stabilire gli ingressi degli ospiti tramite l'Help Center della stazione centrale. Il Centro è dedicato a Erwin, 40enne austriaco morto assiderato nel dicembre 2013 a Catania, ed è stato voluto dal padre gesuita Don Gianni Notari. Una struttura che non si limita al semplice assistenzialismo, ma che vuole offrire una possibilità di incontro e ascolto. Un'altra struttura che opera in rete con la Caritas Diocesana di Catania è la Locanda del Samaritano, gestita dalla Famiglia Vincenziana (Missionari Vincenziani e Figlie della Carità). È un luogo da cui ripartire che permette ai poveri senza fissa dimora di vivere in comunità con sacerdoti e volontari. A disposizione ci sono inoltre altri due dormitori maschili e femminili e i gruppi appartamento. Complessivamente queste strutture offrono più di 80 posti letto. Iniziative importanti che offrono una duplice lettura: aiutare i senza fissa dimora e lanciare segnali alla comunità cittadina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È urgente promuovere una cultura della solidarietà, una solidarietà intelligente, che entra nei fatti – ha spiegato Padre Gianni Notari, parrocco della chiesa “Santissimo Crocifisso dei Miracoli” – li comprende e li aiuta ad esprimersi in termini di risorse e di progetto. In definitiva una solidarietà che promuove la persona e le offre strumenti per camminare autonomamente». Per Padre Mario Sirica, responsabile della Locanda del Samaritano, è «necessario fare rete, quindi lavorare tutti insieme, in questo modo è possibile aiutarli al meglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento