rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Emergenza rifiuti a Pedara, lavoratori senza stipendio da 8 mesi

I dipendenti del gestore del servizio attendono risposte, intanto il paese etneo è invaso dalla spazzatura

Diciotto lavoratori del cantiere di Igiene ambientale di Pedara non ricevono stipendio da otto mesi dall’azienda Ecolandia, ad eccezione di un anticipo - mezza busta paga-risalente al 23 aprile scorso. Per questo hanno deciso di non continuare ad assicurare il servizio sino a quando non saranno loro saldate tutte le mensilità.

In queste ore protestano silenziosamente nella piazza principale della città, proprio di fronte il Municipio. Il Comune di Pedara, che a sua volta deve alla Ecolandia circa un milione e mezzo di euro, imputa il ritardo ad una serie di motivazioni: dal mancato pagamento della tassa spazzatura da parte dei cittadini, ai mancati contributi della Regione siciliana. Per la Fp Cgil di Catania “a fronte di una situazione indubbiamente difficile, a pagarne il prezzo più alto sono di certo i più deboli, ossia i lavoratori”. Per il responsabile del Dipartimento Igiene ambientale della Fp Cgil, Alfio Leonardi, “non si tratta di un vero e proprio sciopero, perché tecnicamente non sono state seguite le procedure richieste, ma è la conseguenza di una esasperazione a lungo sottovalutata. È dunque una autonoma decisione dei lavoratori. Come sindacato siamo al loro fianco e chiediamo un incontro in Prefettura. Da troppi anni siamo alle prese con i ritardi del Comune di Pedara, ma il caso di questi 18 lavoratori ha raggiunto il massimo del disagio fino ad oggi registrato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti a Pedara, lavoratori senza stipendio da 8 mesi

CataniaToday è in caricamento