rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca

I limiti al conferimento in discarica riportano l'emergenza rifiuti, Cantarella: "Normalità in 7-8 giorni"

Oltre alle 520 tonnellate ordinarie, è stato già possibile portare 300 tonnellate in più per la giornata di venerdì e quasi altrettante per quella di sabato 30 ottobre. Ne rimangono ancora 900 da portare via. E dalla prossima settimana inizia il porta a porta a San Giorgio e San Giovanni Galermo

C'è un'altra problematica, oltre al maltempo, che sta facendo parecchio discutere i catanesi in questo autunno: l'emergenza rifiuti. Dopo lo stop alla raccolta delle ultime settimane di settembre, si è ripresentato lo scenario dei cassonetti stracolmi di immondizia nei quartieri che ancora non hanno la raccolta differenziata. "Il Comune di Catania ha bisogno di conferire in discarica 520 tonnellate al giorno di rifiuti indifferenziati. Che - spiega l'assessore comunale all'Ecologia Fabio Cantarella - da una parte vengono prodotti sul territorio, e dall'altra sono portati dai pendolari. Per dieci giorni, non ci è stato permersso di 'assecondare' questa necessità in pieno, portando un giorno 250 tonnellate, un altro 300 e così via. Tra le vie della città si sono così accumulate circa 1500 tonnellate e 55 mezzi ancora in attesa di poter svuotare i cassoni. Come se non bastasse, a questo si è aggiunto il problema del maltempo, con il relativo allagamento dell'autoparco Dusty e di parte della discarica". Una serie esplosiva di eventi, ed in breve si è tornati al punto di partenza di fine settembre.

Nel frattempo il Sindaco Salvo Pogliese, interagendo con la Regione e la Prefettura, è riuscito ad avere un minimo di apertura: oltre alle 520 tonnellate ordinarie, è stato possibile portare 300 tonnellate in più per la giornata di venerdì e quasi altrettante per quella di sabato 30 ottobre. A conti fatti, delle 1500 tonnellate totali ne sono rimaste quindi 900 da portare via. "Se si riesce a tenere questo ritmo - aggiunge l'assessore Cantarella - in 7-8 giorni si potrà tornare alla normalità".

San Giorgio e San Giovanni Galermo avranno il porta a porta dall'1 novembre

Ma come si può evitare, anche in futuro, il ripetersi di scenari simili? La risposta è sempre la stessa: estendendo la raccolta differenziata. A Catania solo 40mila cittadini usufruiscono del ritiro porta a porta, mentre circa 280mila devono portare la spazzatura presso i cassonetti. Cosa che fanno anche moltissimi non residenti, facendo lievitare le tonnellate da portare via giornalmente.

Il calendario per il conferimento della differenziata

"Grazie al nuovo appalto, da giorno 1 novembre entreranno in azione le due ditte che si sono aggiudicate il lotto nord ed il lotto sud. Questo significa che San Giovanni Galermo e San Giorgio saranno i prossimi quartieri ad avere il ritiro porta a porta - precisa Cantarella -. Dopo un periodo di 'rodaggio' iniziale, si vedranno quindi i primi effetti di questa normalizzazione indotta, in attesa di rimuovere definitivamente i cassoni da tutte le altre zone, come da programma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I limiti al conferimento in discarica riportano l'emergenza rifiuti, Cantarella: "Normalità in 7-8 giorni"

CataniaToday è in caricamento