Emergenza rifiuti: Simeto Ambiente a fianco dei sindaci

Assemblee sindacali nella quasi totalità dei Comuni di Simeto-Ambiente, dove gli operatori ecologici non hanno ricevuto lo stipendio di luglio, nonostante il riversamento da parte dell'ATO CT-3

Assemblee sindacali nella quasi totalità dei Comuni di Simeto-Ambiente, dove gli operatori ecologici non hanno ricevuto lo stipendio di luglio, nonostante il riversamento da parte dell'ATO CT-3 di metà del canone al Consorzio Simco e l'impegno di quest'ultima a pagare i lavoratori con tali somme, in attesa del saldo.

Solo la ditta Oikos, delle cinque raggruppate con il Consorzio Simco, ha pagato i dipendenti, con gli operatori regolarmente in attività, dunque, a Misterbianco e Motta Sant'Anastasia; al lavoro regolarmente anche gli operatori ecologici di Biancavilla, per un impegno preciso dei dipendenti della ditta Dusty di questo Comune nei confronti dell'Amministrazione comunale e del Sindaco, Pippo Glorioso.
Per il resto, le assemblee sindacali hanno gettato nell'emergenza, con forme più o meno gravi, la quasi totalità dei Comuni gestiti dalla Simeto-Ambiente con i rifiuti che già si ritrovano a marcire ai margini delle sedi stradali, come non accadeva da anni, mentre la raccolta differenziata ha subito un brusco rallentamento.

Una situazione definita grave dal commissario liquidatore di Simeto-Ambiente, Angelo Liggeri, amareggiato per quanto accaduto, soprattutto relativamente alle gravi ripercussioni che la mancanza parziale di attività provoca non solo alla normale raccolta per l'indifferenziato, ma soprattutto alla raccolta differenziata.

Ed intanto, nel tardo pomeriggio di ieri, alcuni Sindaci si ritroveranno a Paternò, riuniti dal primo cittadino di questo Comune, Mauro Mangano, per fare il punto della situazione e prendere decisioni che possano cambiare definitivamente l'attuale sistema. La proroga per la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, concessa al Consorzio Simco, è prossima alla scadenza (manca poco più di un mese alla fine) e non è escluso che i Sindaci possano optare per nuovi servizi, quasi certamente ridotti per arrivare a minori costi, ed aziende diverse.

E il Commissario Liggeri nel ritenere intollerabile la tale situazione determinatasi, evidenzia: "sosterrò a pieno qualsiasi decisione dei Sindaci. Nonostante l'impegno nostro, dei Sindaci ad evitare emergenze, il Consorzio Simco dimostra, ancora una volta, di non voler collaborare, ergendo un muro impenetrabile, impedendo al sistema di poter correttamente funzionare. Una sola emergenza basta per far fallire il lavoro di mesi portato avanti da quanti sono impegnati giornalmente per cambiare volto alla gestione rifiuti, cittadini compresi. Si rischia di far fallire il progetto relativo alla raccolta differenziata e questo ci porterebbe pericolosamente indietro."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento