Sunia e Cgil chiedono misure contro l'emergenza sfratti per la crisi economica

Sunia e Cgil hanno avanzato al Governo nazionale proposte sugli strumenti per affrontare la crisi abitativa

Sono almeno 100 mila le famiglie siciliane in locazione che non riescono più a pagare l'affitto con regolarità. Sono nuclei con lavoratori in cassa integrazione, piccoli commercianti e lavoratori autonomi, ma anche giovani professionisti che hanno visto le proprie attività bloccate per l’emergenza sanitaria. A lanciare l’allarme sono la Cgil Sicilia e il Sunia che, con i segretari regionali Alfio Mannino e Giusy Milazzo chiedono alla Regione un confronto per interventi efficaci che evitino un'ondata di sfratti.

"La Regione siciliana- affermano Mannino e Milazzo- ha a disposizione un tesoretto da utilizzare bene per far fronte alle difficoltà delle famiglie. Sono fondi che lo Stato ha trasferito o sta per trasferire alle regioni che a loro volta dovranno assegnare ai Comuni. Queste- tuttavia- sottolineano non sono sufficienti a far fronte ai tanti problemi abitativi che coinvolgono migliaia di famiglie i cui redditi sono stati azzerati e certamente devono essere utilizzati nel modo più efficace possibile”. Sunia e Cgil hanno avanzato al Governo nazionale proposte sugli strumenti per affrontare la crisi abitativa nell'immediato e anche sulla programmazione di un nuovo piano di incremento dell'edilizia pubblica. Tra le richieste anche l'aumento degli stanziamenti, l'individuazione di strumenti quali le detrazioni e le agevolazioni fiscali per incentivare il ricorso alla rinegoziazione dei canoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L'obiettivo – spiegano Milazzo e Mannino- è quello di far si che la questione abitativa assuma la centralità necessaria a sostenere il diritto alla casa anche per le fasce più deboli della popolazione”. Anche a livello regionale Cgil e Sunia hanno chiesto un tavolo di confronto nel cui ambito poter definire sia il principio del coordinamento dei fondi e i criteri per l'utilizzazione dei contributi, che complessivamente ammonteranno a più di 16 milioni di euro, sia gli interventi di riqualificazione con i fondi già disponibili necessari ad ampliare la disponibilità di alloggi di edilizia pubblica e sociale. “L'obiettivo- sottolineano Cgil e Sunia- è quello di dare risposte mirate alle diverse tipologie di bisogno in tempi celeri e con procedure semplificate in modo tale da costituire un valido anche se provvisorio aiuto. Proprio questo – conclude la nota- è il momento per programmare interventi massicci per riqualificare immobili da destinare all'abitare sociale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Sparatoria in centro commerciale dopo litigio: un ferito grave

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

  • Tentato omicidio al centro commerciale, il 19enne ha utilizzato pistola con matricola abrasa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento