Emergenza vento in città: "Serve un piano di prevenzione per la sicurezza pubblica"

A chiederlo è il presidente della commissione viabilità Giuseppe Castiglione che sottolinea quanto la mancata potatura del verde abbia creato numerosissimi problemi in città, mettendo a rischio l'incolumità pubblica

"Forti raffiche di vento hanno bloccato ieri la viabilità in interi quartieri di Catania. Al di là del fatto, però, bisogna affrontare la questione ben consapevoli che nel capoluogo etneo la quotidianità è fatta di continua e cronica mancanza di programmazione e interventi a cadenza mensile. Lavori indispensabili di prevenzione che, in proiezione futura, servirebbero a limitare o quanto meno contenere il possibile evento eccezionale". Così il presidente della commissione alla viabilità  Giuseppe Castiglione all'indomani della tromba d'aria abbattutasi su Catania commenta l'evento sottolineando quanto la mancanza di potatura continua e costante del verde abbia causato oggi il panico in tutta la città.

"A Catania molte strade trafficate come il Corso Indipendenza, il viale Mario Rapisardi, la circonvallazione, via Braille, via Leucatia, piazza Montessori, Via Sabato Martelli Castaldi, piazza Santa Maria di Gesù -continua Castiglione - sono piene di pini o di altri tipo di alberi ad alto fusto che, in molti casi, superano ampiamente i dieci metri. Cosa sarebbe successo, quindi, se le forti folate di vento si fossero verificate nelle ore di punta invece che nel cuore della notte? E’ bene considerare che in questo periodo di festività le scuola restano chiuse e questo incide non poco sulla mobilità cittadina. Solo per pura coincidenza non c’è scappata la tragedia".

"Per tutte queste ragioni chiedo al sindaco Bianco di prendere, passata l’emergenza, tutti gli opportuni provvedimenti. Dal canto suo - conclude Castiglione - la commissione alla mobilità si metterà al immediatamente lavoro per verificare la staticità degli alberi ad alto busto, soprattutto sul viale Rapisardi e sul Corso Indipendenza, segnalando ai tecnici ed agli operai comunali gli eventuali casi da eliminare per questioni di pubblica incolumità. Non dimentichiamoci che sul viale Mario Rapisardi una persona, alcuni anni fa, è rimasta ferita dalla caduta di un ramo, finitole in testa, mentre aspettava sul marciapiede l’arrivo dell’autobus. E ancora, episodio ancora più drammatico è stato quello che ha visto una donna perdere la vita in piazza Cutelli mentre era seduta tranquillamente in una panchina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

  • Coronavirus, registrate complicanze neurologiche nei bambini coinvolti

Torna su
CataniaToday è in caricamento