rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Il Codacons chiede lo stop ai voli dei 737 dopo l'incidente in Etiopia

Il Codacons chiede di sospendere i decolli dagli scali italiani dei Boeing 737 Max operati da tutte le compagnie aeree

Dopo il grave incidente aereo di ieri del volo Ethiopian Airlines e le misure precauzionali adottate da alcuni importanti paesi come Cina ed Etipia, il Codacons chiede alle autorità italiane di attivarsi immediatamente per garantire la sicurezza dei voli, fino a che non saranno chiarite in modo ufficiale le cause del disastro.

“Considerato il precedente incidente del tutto analogo avvenuto in Indonesia e le notizie circolanti circa la mancanza di formazione dei piloti sul software che corregge le operazioni di volo, devono essere adottati immediati provvedimenti a tutela della sicurezza del trasporto aereo – afferma il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo presentiamo oggi una diffida urgente ad Enac in cui si chiede di bloccare in modo categorico tutti i decolli dei Boeing 737 Max dagli scali italiani e di avviare verifiche urgenti circa la formazione dei piloti, con particolare riferimento alla compagnia Air Italy che avrebbe già nella propria flotta il modello di velivolo protagonista dell’incidente, e ne avrebbe ordinati un totale di 20”.

Il Codacons ha inviato una formale diffida all’Enac in cui si chiede di sospendere i decolli dagli scali italiani dei Boeing 737 Max operati da tutte le compagnie aeree, nei casi in cui non vi sia stata adeguata formazione del personale circa i software di bordo, e di fornire all’associazione gli atti relativi alla preparazione dei piloti in Italia sulla strumentazione di bordo del velivolo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Codacons chiede lo stop ai voli dei 737 dopo l'incidente in Etiopia

CataniaToday è in caricamento